Home Politica Reddito di Cittadinanza, il Ministro Gualtieri assicura gli italiani: “Confermato e migliorato”

Reddito di Cittadinanza, il Ministro Gualtieri assicura gli italiani: “Confermato e migliorato”

CONDIVIDI

Il Ministro Gualtieri rassicura tutti gli italiani in merito al reddito di cittadinanza, nodo base di questo Governo Conte Bis. Cosa dobbiamo aspettarci?

Reddito di Cittadinanza
Reddito di Cittadinanza

Il neo Ministro Gualtieri è stato intervistato da Repubblica e parla del reddito di cittadinanza, argomento annoso per tutti gli italiani che temono in un dietro front.

Le rassicurazioni del neo Ministro Gualtieri

Il neo Ministro ha rilasciato una intervista su Repubblica e spiega le sue idee nonché intenzioni per il futuro.

Gli italiani sono preoccupati e temono che con il nuovo Governo Conte Bis tutto possa dissolversi in un attimo:

“il reddito sarà confermato”

E il nuovo Governo, evidenzia Gualtieri, lo controllerà e lo migliorerà in toto così da mandare avanti il progetto e aiutare gli italiani nella ricerca di un lavoro stabile e duraturo.

Non è invece concorde con la Flat Tax:

“non la faremo mai”

Secondo il neo Ministro la Flat Tax dava molto a chi aveva già tanto:

“era ingiusta, sbagliata e insostenibile violando la progressività”

Definendo questo Governo come quello degli asili, degli investimenti e riduzione delle tasse.

Passano poi ad un altro argomento importante come la Quota 100, che secondo lui sarebbe dovuto essere pensata in maniera differente:

“ma è sbagliato modificare costantemente le regole del gioco. Quota 100 ha una durata triennale e l’orientamento è che vada a esaurimento”

Occhi aperti anche sull’aumento dell’Iva, considerato un vero impegno del Governo con esclusione totale della patrimoniale. Per quanto riguarda gli 80 euro non verranno cancellati:

“abbiamo intenzione di lavorare a una ampia riforma fiscale”

Concretizzando il fatto di non volere più alcun scontro con l’Europa:

“oggi torniamo ad essere protagonisti in europa e si riprende un ruolo fondamentale”