Home News Reddito di Cittadinanza, nuova stretta di Conte: le novità per il 2021

Reddito di Cittadinanza, nuova stretta di Conte: le novità per il 2021

CONDIVIDI

Il reddito di cittadinanza cambia nel 2021 e la nuova stretta di Giuseppe Conte fa emergere tutte le novità per gli aventi diritto.

Reddito di Cittadinanza, nuova stretta di Conte: le novità per il 2021

Come cambia il reddito di cittadinanza nel 2021? La stretta di Giusppe Conte si concretizza ed ecco cosa dovranno aspettarsi gli aventi diritto.

Le novità del 2021

Il Premier Giuseppe Conte ha chiesto una stretta e un miglioramento sulle regole del sussidio mensile, considerando che ad oggi per come è stato proposto non sembra funzionare.

I Navigator tra l’altro non hanno svolto il loro lavoro in toto, considerando che ad oggi hanno elaborato solo 220.048 offerte di lavoro, tenendo conto anche della pandemia da Covid 19.

Dati evidenziati anche dal Sole 24 Ore e una stretta che il Premier concretizza, cercando di portare il sussidio ad un livello di normalità come negli altri Paesi che adottano lo stesso sistema. Il Ministro Di Maio difende il sussidio e tutto l’operato di chi fino ad oggi ha voluto puntare il dito contro. Nonostante questo chiede ai Comuni celerità per approvare i lavori di pubblica utilità e mandare avanti le proposte di impiego per i vari beneficiari del sussidio.

Le proposte del Premier Conte

Sempre secondo quanto emerso, il Premier Conte chiede che si possa istituire un cervellone informatico nazionale che possa integrare domanda e offerta, elaborando tutto il sistema.

Non solo, questo cervellone infatti dovrà essere anche in grado di scovare tutte le persone che prendono il sussidio mensile ma che non accettano una o più offerte di lavoro:

“voglio che una soluzione sia operativa entro sei mesi. il sussidio in questo modo rischia di esssere una misura assistenziale senza progettualità”

È ora compito della Ministra Pisano fare in modo di istituire una Task Force dedita alla progettazione di questa struttura informatica richiesta dal Governo al fine che ci sia una comunicazione unica a livello nazionale.