Home Politica Recovery Fund (Ultim’ora) all’Italia 208,8 miliardi di euro

Recovery Fund (Ultim’ora) all’Italia 208,8 miliardi di euro

CONDIVIDI

Recovery Fund: la nuova “composizione” e quanto spetta all’Italia?

recovery fund

La nuova composizione del Recovery Fund porterebbe all’Italia 208,8 miliardi, di cui 81,4 di sussidi e 127,4 di prestiti.

È quanto si apprende a margine del negoziato in Consiglio UE.

L’entità delle risorse finanziarie potrebbe ancora essere soggetta a modifiche in quanto si stanno facendo i calcoli sulla base della nuova proposta di Charles Michel.

Se venissero confermati i 208,8 miliardi di euro, sarebbe una cifra superiore a quella della proposta iniziale della Commissione UE ferma a 173 miliardi di euro.

Secondo quanto riferito da fonti italiane all’Italia spetterebbero in totale 208,8 miliardi di euro, di cui 81,4 miliardi di sussidi e 127,4 miliardi di prestiti.

La proposta iniziale prevedeva 173,826 miliardi totali, di cui 85,242 miliardi di sussidi e 88,584 miliardi di prestiti. Dunque l’incremento totale sarebbe di 34,974 miliardi, con un calo dei sussidi di 3,842 miliardi e un aumento dei prestiti di 38,816 miliardi.

Secondo quanto riportato dall’Ansa il Premier Giuseppe Conte

“ha fatto una battaglia enorme per il mantenimento dell’ammontare globale del Recovery fund a 750 mld.

Mentre gli altri stavano accettando la riduzione a 700 Conte in tutte le sue bilaterali ha incessantemente insistito su una cifra che aveva un forte valore di risposta ai cittadini italiani e europei”.

Recovery Fund, Di Maio: il fondo è “cruciale” per l’Italia

Il proposto Recovery Fund dell’Unione Europea da 750 miliardi di euro per sostenere i sistemi economici dei Paesi dell’UE a riprendersi dalle devastazioni della pandemia di COVID-19 è “cruciale” per l’Italia colpita dal coronavirus, ha twittato il ministro degli esteri Luigi Di Maio.

“Queste sono ore estremamente importanti a Bruxelles che determineranno il futuro dell’Italia e dell’intera Europa”,

sottolinea Di Maio riferendosi al Vertice UE 17-18 luglio giunto al quarto giorno di negoziazioni.

“Il Recovery Fund è fondamentale per l’Italia”,

ha sottolineato il tweet.

In un altro tweet, Di Maio ha esortato i leader dell’UE a raggiungere un accordo “ambizioso” sul fondo di salvataggio, che la Commissione europea ha proposto di costituire 500 miliardi di euro di sovvenzioni e 250 miliardi di euro di prestiti.

Recovery Fund, i leader dell’UE esprimono un cauto ottimismo

I leader dell’Unione Europea hanno espresso cauto ottimismo in vista del raggiungimento di un accordo su un budget di 1,85 trilioni di euro (2,1 trilioni di dollari) e sul fondo di recupero del coronavirus.

Il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha tenuto un discorso emotivo sul presidente francese Emmanuel Macron, che ha sfogato la sua profonda frustrazione e su una nuova serie di “numeri” riguardanti il bilancio comunitario.

“Ci sono stati momenti estremamente tesi. E ci saranno più che senza dubbio saranno ancora difficili.

Ma per quanto riguarda i contenuti, le cose sono andate avanti”,

ha affermato Macron, sottolineando la sua collaborazione con il cancelliere tedesco Angela Merkel. Senza l’accordo franco-tedesco, l’UE non ha mai fatto passi importanti.

“Una situazione straordinaria richiede sforzi straordinari”,

ha detto la Merkel mentre i leader spingevano avanti con una delle vette più lunghe del blocco di sempre.

Ciò che era previsto come un vertice di due giorni previsto per la fine di sabato è stato costretto a due giorni supplementari da profonde differenze ideologiche tra 27 Leaders.

“Sembra più speranzoso di quando pensavo durante la notte:

“È finita”,

ha dichiarato il Primo Ministro olandese Mark Rutte.

Rutte ha cercato di limitare i costi e imporre rigide garanzie di riforma su qualsiasi piano di salvataggio per le nazioni bisognose.

È stato criticato da Macron, dall’Italia e dall’Ungheria, il cui primo ministro Viktor Orban ha chiesto perché l’olandese avesse un tale “odio” nei suoi confronti.

“Siamo qui perché facciamo affari per il nostro paese.

Siamo tutti professionisti”,

ha sottolineato lo stesso Rutte.