Home Politica Recovery Fund: ancora nessuna intesa raggiunta nel vertice Conte-Merkel

Recovery Fund: ancora nessuna intesa raggiunta nel vertice Conte-Merkel

CONDIVIDI

Recovery Fund, incontro Merkel-Conte, ma ancora nessuna intesa raggiunta

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha annunciato che i leader dell’UE non hanno ancora trovato un’intesa sul Recovery Fund.

Dopo aver incontrato il Primo Ministro italiano Giuseppe Conte, la Cancelliera tedesca Angela Merkel ha avvertito che c’è ancora del lavoro da fare prima di raggiungere un accordo e ha denunciato l’”allarmante” crisi di Hong Kong.

Lunedì la Cancelliera Angela Merkel ha dichiarato di non poter essere certa che gli Stati membri dell’UE avrebbero raggiunto un accordo sul Recovery Fund in occasione del summit di venerdì.

I leader dell’UE si incontreranno nuovamente per discutere del proposto fondo di recupero da svariati miliardi di euro, ma le divergenze di opinione tra gli Stati membri sono ancora evidenti, secondo la Merkel.

Tuttavia, sia l’Italia che la Germania concordano ampiamente sul pacchetto.

“Le posizioni rimangono separate”,

ha riferito la Merkel durante una conferenza stampa con il Primo Ministro italiano Giuseppe Conte.

“Non posso dire oggi se raggiungeremo un accordo venerdì”.

La Merkel ha affermato che potrebbe essere necessario un secondo incontro se il vertice di questa settimana non dovesse trovare un’intesa.

Una grande parte delle risorse andrebbe ad aiutare i paesi più colpiti dal coronavirus, come l’Italia e la Spagna.

Tuttavia, alcuni paesi dell’UE fiscalmente conservatori – vale a dire i cosiddetti “quattro frugali”, Austria, Danimarca, Svezia e Paesi Bassi – si oppongono al piano perché comporterebbe per la prima volta un livello di indebitamento comune.

Recovery Fund: Merkel garantirà una ripresa efficace

La cancelliera tedesca Merkel ha dichiarato che Berlino garantirà una ripresa efficace quando assumerà la presidenza dell’UE il 1 ° luglio.

Le sue osservazioni sono giunte dopo i colloqui con il presidente francese Emmanuel Macron a Berlino.

“Lavoreremo insieme e prepareremo l’Europa ad affrontare questa crisi”,

ha dichiarato la Merkel a seguito di colloqui con il Presidente francese Emmanuel Macron a Berlino.

“Sono molto felice di essere d’accordo sulle sfide che vogliamo superare insieme”.

La Merkel ha osservato che “le aspettative sono alte”, ma ha affermato che Parigi e Berlino erano pronte ad affrontare la sfida.

“Il mondo sarà diverso dopo la pandemia”,

ha detto la Merkel.

“Dobbiamo investire di più nel futuro per far fronte a tali sfide”.

Tuttavia, la Merkel ha affermato che le domande relative alle restrizioni di bilancio e al fondo di recupero post-pandemia saranno trattate ulteriormente durante un vertice del Consiglio europeo alla fine di luglio.

“L’Europa è il nostro futuro”,

ha sottolineato.

Il piano di risanamento dell’UE

Germania, Francia e altri paesi dell’UE stanno spingendo per trovare un piano di salvataggio da 750 miliardi di euro (840 miliardi di dollari) che offrirebbe sovvenzioni ai paesi attraverso la Commissione europea senza alcun obbligo di restituzione.

All’opposizione di questa idea ci sono i cosiddetti “quattro frugali”, Austria, Danimarca, Paesi Bassi e Svezia, che si oppongono ai paesi dell’Europa meridionale.

Una fonte del Palazzo dell’Eliseo ha affermato che il paese è rimasto ottimista sul fatto che un accordo potrebbe essere raggiunto, ma ha ammesso

“non ci siamo ancora arrivati”.

“Dobbiamo difendere le nostre democrazie”

Da parte sua, Macron ha affermato che la pandemia non è terminata e che è necessario adottare misure a livello comunitario per affrontare le sfide.

“La cancelliera e io l’abbiamo messo sulla carta: è la nostra priorità assoluta. Senza questo, l’Europa non risponderebbe alla sfida”,

ha sottolineato Macron, riferendosi al piano di recupero post-pandemia.

“Dobbiamo difendere le nostre democrazie”.

Macron ha anche osservato che il governo francese è stato ispirato dalla risposta di Berlino alla crisi finanziaria del 2008, quando ha iniziato a gestire la crisi economica Covid-19.

Ha anche menzionato il programma tedesco Kurzarbeit come motore di successo per la ripresa economica.

Durante l’incontro, i due leader europei hanno discusso delle relazioni con Cina, Stati Uniti e Turchia, insieme ai dettagli sul conflitto in Libia e sulla campagna antiterrorismo nella regione del Sahel dell’Africa occidentale.