Home Cronaca Ragazzo accoltellato in discoteca: morto dopo una lenta agonia

Ragazzo accoltellato in discoteca: morto dopo una lenta agonia

CONDIVIDI

Il ragazzo accoltellato in discoteca a Sassari è in gravissime condizioni. Ma perché questo gesto folle dell’aggressore?

Ragazzo accoltellato in discoteca
Ragazzo accoltellato in discoteca

Le prime ore della festività di Santo Stefano sono state accompagnate dalla vicenda del ragazzo accoltellato in discoteca a Sassari, dopo una lite.

Aggiornamento ore 17.30

Giovanni Fresi di 26 anni è morto dopo essere stato accoltellato in discoteca. I medici hanno fatto il possibile per salvarlo, ma la ferita gli ha provocato una grave emorragia.

Giuseppe Dibo Elias è ora accusato di omicidio e si trova nel carcere di Sassari.

Ragazzo accoltellato a Sassari

E’ accaduto nella notte tra Natale e Santo Stefano a Sassari, all’interno della discoteca Blu Star  – storico locale molto frequentato. Erano le 4 del mattino quando, secondo la prima ricostruzione rilasciata dai media locali – il giovane avrebbe avuto una lite con un altro ragazzo al bancone del bar.

Dalle parole ai fatti, quando l’aggressore tira fuori un coltello e colpisce la vittima prima ad un braccio e poi al ventre: sembra che infatti il ragazzo si sia difeso dal primo fendente proprio con il braccio, non riuscendo però a parare il secondo.

Immediato l’arrivo del 118 e dei Carabinieri, trasportando il giovane all’Ospedale di Sassari dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico ora in Rianimazione. Le sue condizioni sono gravissime.

L’aggressore trovato dai Carabinieri

Dalle prime notizie sembra che i Carabinieri – grazie alle testimonianze – siano riusciti a intercettare l’aggressore che si era dato alla fuga dopo il suo folle gesto. Ora è in Questura con l’accusa di tentato omicidio ed è in corso la ricostruzione della vicenda nonché il motivo della lite.

Si ricorda infatti che tutto è avvenuto al bancone del bar del locale alle 4 del mattino e che dopo una lite, l’aggressore ha accoltellato in giovane al ventre per poi scappare.