Home News Raffaele Cutolo, il boss trasferito in ospedale: è in gravi condizioni

Raffaele Cutolo, il boss trasferito in ospedale: è in gravi condizioni

CONDIVIDI

Verserebbe in gravi condizioni il boss Raffaele Cutolo. Lo scorso giovedì il fondatore della Nuova Camorra Organizzata sarebbe ricoverato all’ospedale di Parma.

raffaele cutolo in ospedale

Si sarebbero infatti aggravati i suoi problemi respiratori, tanto che nell’ultima visita in carcere non avrebbe neppure riconosciuto la moglie. Lo scorso mese di giugno il tribunale di Sorveglianza di Bologna aveva respinto il ricorso della difesa.

Raffaele Cutolo in gravi condizioni

Raffaele Cutolo è in gravi condizioni. Come riferisce anche Tgcom24, il fondatore della Nuova Camorra Organizzata lo scorso giovedì è stato trasferito all’ospedale di Parma.

Le sue condizioni cliniche si sarebbero ulteriormente aggravate, per via anche dei problemi respiratori di cui soffre il boss detenuto al 41 bis. 

“Continuano a sostenere che rifiuta di fare gli esami, ma noi riteniamo che non sia lucido”

ha fatto sapere il legale.

Sembra che la moglie di Raffaele Cutolo sia andata a trovarlo il 22 giugno e lui non l’avrebbe neppure riconosciuta.

Lo scorso mese di giugno il tribunale di Sorveglianza di Bologna aveva respinto il ricorso del legale del boss per il rinvio dell’esecuzione della pena per gravi motivi salute.

La richiesta del legale

Il tribunale avrebbe negato una visita anticipata per la moglie del boss. L’incontro dovrebbe avvenire a fine mese, ma l’intento è quello di convincere Raffaele Cutolo a sottoporsi agli esami.

“Ho sollecitato con una serie di atti la fissazione dell’udienza sul reclamo, a Roma, contro il 41 bis, e ancora niente”.

Lo scorso gennaio Cutolo era già stato ricoverato per un breve periodo in ospedale, sempre per via dell’aggravarsi delle sue condizioni cliniche.

I giudici della Sorveglianza avevano definito le sue condizioni del boss compatibili con il carcere. Inoltre, il carisma del boss non sembra assolutamente essersi spento, anzi, Raffaele Cutolo resta ancora una figura di riferimento fondamentale per i gruppi criminali.