Home Salute & Benessere Quando cambiare le lenzuola: rischi e malattie nel dormire in un letto...

Quando cambiare le lenzuola: rischi e malattie nel dormire in un letto sporco

CONDIVIDI

Quando cambiare le lenzuola del letto e quali i rischi che si possono correre dormendo in mezzo allo sporco

Quando cambiare le lenzuola: rischi e malattie nel dormire in un letto sporco

Un terzo della propria vita si passa a letto ma mai nessuno sa esattamente, quanto tempo far passare tra il cambio della biancheria e il successivo. Conosciamo insieme tutti i rischi

Quando cambiare le lenzuola

La domanda nasce spontanea e tutti, almeno una volta nella vita si sono chiesti quando cambiare le lenzuola facendo passare del tempo tra un rinnovo e l’altro. Il microbiologo e patologo Philip Tierno ha evidenziato che anche le polveri più sottili vengono inalate sia dall’organismo e depositate sulla pelle creando irritazioni più o meno fastidiose.

Bisogna infatti considerare il fatto che quasi ogni soggetto, oggi giorno, soffre di allergia o difficoltà respiratoria e che sono proprio le lenzuola uno dei vettori principali di queste patologie.

Secondo alcune ricerche svolte dai professionisti del settore, l’ideale è lavare le lenzuola entro massimo una settimana evitando così il rischio di batteri e acari che possono annidarsi al loro interno. E’ necessario inoltre considerare che in estate – avendo la pelle a stretto contatto con le lenzuola – il cambio dovrebbe avvenire più frequentemente.

Quali sono i rischi

Sempre secondo lo studio effettuato da Philip Tierno le lenzuola sono casa sicura per batteri, funghi, peli di animale, polvere, acari. Non solo: non bisogna sottovalutare i residui del corpo umano come sudore, espettorato, secrezioni intime, urina e alcune cellule morte della pelle.

Considerando che un uomo di corporatura media rilascia circa 100 litri di sudore e che la biancheria da letto, contenga sino a 17 specie diverse di funghi e batteri – il cambio e lavaggio dovrebbe essere molto frequente prediligendo un detersivo antibatterico (come quello usato per i bambini).