Home News Qualità della Vita, quest’anno a trionfare è Bologna

Qualità della Vita, quest’anno a trionfare è Bologna

CONDIVIDI

Crollano nella classifica della Qualità della Vita, a causa dell’impatto del virus, le città della Lombardia.

qualità vita
Bologna, così come l’Emilia Romagna, avrebbe guadagnato molte posizioni.

Nell’annuale classifica delle città con la migliore Qualità della Vita si è piazzata al primo posto Bologna. A conquistare, invece, il poco ambito ultimo posto sarebbe stata Crotone. Non solo, anche le città lombarde, probabilmente a causa dell’impatto avuto dal virus, sarebbero crollate di posizioni in classifica.

Sono stati 90 gli indicatori utili a stilare la classifica

Sarebbero questi i dati più significativi emersi dall’indagine svolta da Il Sole 24 Ore che ha avuto ben 90 indicatori per valutare al meglio le città. Di questi 90, inoltre, 25 sarebbero stati dedicati solamente all’impatto avuto dal virus sull’economia e sulla città in questione.

Sono diverse le città lombarde ad essere crollate in classifica.

La classifica, infatti, mette in risalto come il nord Italia sia stato maggiormente penalizzato dalla situazione pandemica con Milano, ad esempio, sceso dal primo posto dello scorso anno al dodicesimo. Anche le altre compagini lombarde però non avrebbero avuto vita facile. Ad esempio Brescia è scesa di 27 (collocandosi al 39esimo posto), Bergamo di 24 (52esima) e Monza e Brianza scivolate addirittura di 55 posizioni.

Tornando a Bologna, la città avrebbe guadagnato quest’anno ben 13 posizioni. Nello specifico però ad aver approfittato del crollo di Milano e delle sue provincie sarebbe stata tutta l’Emilia Romagna. In notevole salita, infatti, oltre Bologna anche Parma, Reggio Emilia, Modena e Cesena.

Sfortunatamente resta “fanalino di coda” una città del sud Italia. Infatti Crotone si sarebbe guadagnato l’ultimo posto essendosi fatta scavalcare da Caltanissetta. I motivi dell’ultimo posto, resi ancora più evidenti dalla pandemia, sarebbero il fragile tessuto economico, le carenze strutturali dei servizi pubblici ed un apparato burocratico lento e inadeguato. Insomma questa classifica, in conclusione, è stata certamente caratterizzata dall’arrivo della pandemia in Italia, nonostante ciò sembra chiaro che alcune città sguazzino in una situazione difficile già da anni.