Home News Qualità della vita, Pordenone al primo posto: Foggia è la peggiore

Qualità della vita, Pordenone al primo posto: Foggia è la peggiore

CONDIVIDI

È pervenuta la classifica annuale di ItaliaOggi che mette in evidenza la qualità della vita che offrono le varie città italiane con una classifica dettagliata.

Qualità della vita, Pordenone al primo posto: Foggia è la peggiore

La classifica annuale di ItaliaOggi spacca il nostro Paese in due in merito alla qualità della vita: come si vive da Nord a Sud?

La classifica di ItaliaOggi

Ogni anno le varie città italiane attendono di conoscere la loro posizione in merito alla classifica stilata da ItaliaOggi, che determina dove si viva meglio e dove peggio prendendo in considerazione molte varianti.

Al primo posto spunta il nome di Pordenone che è la prima città italiana dove si vive bene e i cittadini godono di ogni comford per la loro vita. Al secondo posti si piazza un’altra città del Nord ovvero Trento che l’anno scorso era al primo posto cedendo il passo per il 2020.

La classifica è stata stilata dalla Sapienza di Roma che è arrivanta per il 2020 alla XXII edizione mettendo in conto anche la pandemia da Covid e come le città abbiano reagito a tale terribile situazione. Tutto questo non ha fatto altro che peggiorare molti territori a partire dall’emergenza sanitaria.

Le città più colpite dal virus sono infatti quelle che hanno perso numerose posizioni in merito alla scorsa del 2019. Bergamo arriva al 40mo posto rispetto al 26mo del 2019, così come Lodi che scende di ben 37 posizioni sino a Milano che ne perde 16 di posizioni. Non da meno Cremona che ne perde 46 e Piacenza che scende di 41 posizioni.

La peggiore in classifica

La peggiore in classifica è Foggia che insieme a Crotone e Agrigento si trova in fondo. Nella maggior parte dei casi la qualità della vita è stata considerata accettabile in 60 province italiane, ma purtroppo un bel 42,5% vive in posti dove questa è insufficiente.

Si parla quindi di una globalità non solo in termini di inquinamento, ma anche sicurezza – lavoro – servizi – tenore di vita.