Home News Quali sono i repellenti naturali contro le zanzare? Ecco i migliori

Quali sono i repellenti naturali contro le zanzare? Ecco i migliori

CONDIVIDI

Quali sono i repellenti naturali contro le zanzare? Ne esistono moltissimi realmente efficaci e protettivi, scopriamo quali sono secondo la rivista Consumer Reports.

repellenti naturali zanzare

Quali sono secondo i repellenti naturali contro le zanzare per la rivista americana Consumer Reports? Sono realmente efficaci oppure no? Scopriamo insieme quali sono i risultati di quest’inchiesta giornalistica.

I prodotti efficaci

Solo alcuni ingredienti sono in grado di garantire un’effettiva protezione secondo i test fatti effettuare dalla rivista. Sono risultai efficaci esclusivamente quelli marchiati e registrati presso la Environmental Protection Agency (EPA).

Non sono risultati efficaci secondo i test di laboratorio di Consumer reports, i repellenti botanici comuni come:

  • citronella,
  • menta piperita,
  • geraniolo
  • soia

Molti oli essenziali sono sfuggiti al test della rivista, anche se utilizzati spesso contro le zanazare. Si sono dimostrati funzionanti:

  • OLE – olio di Eucalipto/limone (OLE): si tratta di un estratto dalla gomma di una specie di eucalipto originaria dell’Australia. Non vene distillato dai ramoscelli di eucalipto e limoni. Tiene lontano insetti, zanzare. Viene considerato sicuro solitamente, anche se può dare delle reazioni non volute, come irritazioni agli occhi o alla pelle. Come per tutti gli oli essenziali, se ne sconsiglia l’uso per i bambini di età inferiore ai 3 anni.
  • Picaridina: ha anche altri nomi come per esempio Icaridina. Non è una sostanza naturale, essa è di sintesi, creata in laboratorio. Si tratta di una rielaborazione chimica della fatta in laboratorio, che replica un composto presente nel pepe. Si usa questa sostanza dal 2005 negli Stati Uniti nei repellenti per le zanzare ed ha dimostrato che in versione spray con soluzioni al 20% funzionano bene. Non sono utili invece lozioni o creme che hanno questo principio attivo, che se concentrazioni aumentano. Questa sostanza si ritiene sicura, anche può portare a rare irritazioni degli occhi e della pelle.