Home News Pupo contro la Rai per Frizzi: “I cinici ipocriti che ti angosciavano...

Pupo contro la Rai per Frizzi: “I cinici ipocriti che ti angosciavano oggi ti rimpiangono”

CONDIVIDI

Le parole del cantante risuonano come accuse nei confronti di mamma Rai, che in qualche modo, secondo il cantante ha agito ignorando o declassando il presentatore

Pupo ha mosso dure accuse contro la Rai, tramite un post che ha fatto il giro del web. Fabrizio Frizzi, secondo Pupo -Enzo Ghinazzi-  vale molto di più di quello che la Rai ha voluto mostrare e raccontare. Non ha fatto nomi per non accusare nessuno in particolare, ma è chiaro che Pupo si riferisce ad alcune persone in particolare. Il cantante è noto per il suo carattere schietto e polemico. Dopo la notizia della morte di Frizzi, Pupo non ha potuto fare a meno di scrivere questo post polemico:

“Soltanto due anni fa, eravamo insieme qua, alle cascate del Niagara. Abbiamo condiviso momenti professionali meravigliosi ed altri, privati, in cui mi raccontavi le tue sofferenze e le angosce che gli ipocriti che oggi ti rimpiangono, ti avevano causato. Non ho parole fratello”.

Il cantante è fortemente sconcertato dall’ipocrisia che circola nel mondo dello spettacolo. A differenza della gente comune che si commuove in maniera vera e sincera guadando le immagini del conduttore e del suo funerale, alcuni volti noti fanno solo finta di intristirsi per quanto accaduto a Fabrizio.

La dirigenza Rai per Pupo è cinica, ti sta vicino solo quando sei sull’onda del successo. Ecco cosa ha scritto Pupo:

“In Rai ci sono persone che hanno fatto dannare Fabrizio, che soffriva per le ingiustizie subite, pativa le ritorsioni, doveva ingoiare rospi. E io penso anche che certe angosce influiscano anche sulla salute”.

È solo grazie a Carlo Conti se Fabrizio ha riconquista un posto in Rai. Parecchi hanno provato a frenare la carriera del presentatore, ma oggi nessuno menziona quanto accaduto. Proprio per questo muro, Fabrizio fu costretto a trasferirsi su Mediaset.

Enzo proprio non ci sta all’ipocrisia di alcuni colleghi pronti a piangere davanti alle telecamere. In prima persona Pupo ha vissuto un’ingiustizia in Rai, venne infatti sostituito al timone di Reazione a Catena, a vantaggio di Pino Insegno.