Home Salute & Benessere Psicologia: Hai bisogno sempre di compagnia? Potresti soffrire di un disturbo dipendente...

Psicologia: Hai bisogno sempre di compagnia? Potresti soffrire di un disturbo dipendente di personalità

CONDIVIDI

CI sono vari disturbi di cui si può soffrire. Alcune persone necessita sempre di una persona accanto: ecco cos’è il disturbo di personalità dipendente

Disturbo dipendente di personalità
Disturbo

Il disturbo di personalità dipendente (DDP) è un disturbo di personalità ansioso caratterizzato dall’incapacità di essere solo. Le persone con DDP sviluppano sintomi di ansia quando non sono in compagnia di altre persone. Si affidano ad altre persone per comodità, rassicurazione, consulenza e supporto.
Le persone che non hanno questa condizione a volte affrontano sentimenti di insicurezza. La differenza è che le persone con DDp hanno bisogno di rassicurazioni dagli altri per poter andare avanti. Secondo la Cleveland Clinic, le persone con questa condizione normalmente mostrano segni all’inizio della metà dell’età adulta.

Cause e sintomi di DDP

Una condizione deve rientrare in uno dei seguenti cluster per essere classificata come disturbo di personalità:

Cluster A: comportamento strano o eccentrico;
Cluster B: comportamento emotivo o irregolare;
Cluster C: comportamento ansioso e nervoso;

DDP appartiene al cluster C. I segni di questo disturbo includono:
• comportarsi in modo sottomesso;
• basarsi su amici o familiari per il processo decisionale;
• necessitare di rassicurazioni ripetute;
• essere facilmente ferito dalla disapprovazione;
• sentirsi isolato e nervoso da solo;
• temere il rifiuto;
• essere eccessivamente sensibile alle critiche;
• non riuscire a stare da solo;
• avere la tendenza ad essere ingenui;
• temere l’abbandono.

Le persone con DDP possono richiedere una costante rassicurazione. Possono rimanere devastati quando le relazioni e le amicizie vengono interrotte.

Quando è sola, una persona con DPD può sperimentare:
• nervosismo;
• ansia;
• attacchi di panico;
• paura;
• mancanza di speranza.
Alcuni di questi sintomi sono gli stessi per le persone con disturbi d’ansia. Anche le persone con condizioni mediche come la depressione o la menopausa possono manifestare alcuni di questi sintomi. Bisogna rivolgersi al proprio medico per ricevere una diagnosi specifica se si verifica uno dei suddetti sintomi.
Non è noto cosa induca le persone a sviluppare il DDP. Tuttavia, gli esperti citano entrambi i fattori biologici e di sviluppo.

Quali sono i fattori di rischio?

Alcuni fattori di rischio che potrebbero contribuire allo sviluppo di questo disturbo e includono:

• avere una storia di abbandono;
• avere un’educazione abusiva;
• essere in una relazione abusiva a lungo termine;
• avere genitori iperprotettivi o autoritari;
• avere una storia familiare di disturbi d’ansia.

Come viene diagnosticata il DDP?
Il medico ti sottoporrà a un esame fisico per vedere se una malattia fisica potrebbe essere la fonte dei sintomi, in particolare l’ansia.
Ciò può includere esami del sangue per verificare la presenza di squilibri ormonali. Se i test non sono conclusivi, è probabile che il medico ti manderà da uno specialista in salute mentale.
Uno psichiatra o uno psicologo – di solito – diagnostica il DDP. Prenderanno in considerazione i sintomi, la storia e lo stato mentale durante la diagnosi.
La diagnosi inizia con una storia dettagliata dei sintomi. Ciò include da quanto tempo li vivi e come sono avvenuti. Il medico può anche porre domande sulla tua infanzia e sulla tua vita attuale.

Come viene trattato il DDP?

Il trattamento si concentra sull’alleviamento dei sintomi. La psicoterapia è spesso il primo corso d’azione. La terapia può aiutarti a capire meglio la tua condizione. Può anche insegnarti nuovi modi per costruire relazioni sane con gli altri e migliorare la tua autostima.
La psicoterapia viene generalmente utilizzata a breve termine. La terapia a lungo termine potrebbe farti diventare dipendente dal tuo terapista.
I farmaci possono aiutare ad alleviare l’ansia e la depressione, ma sono generalmente usati come ultima risorsa.
Il tuo terapista o medico può prescriverti un farmaco per curare gli attacchi di panico derivanti da un’ansia estrema, ma è tutto da valutare in maniera scrupolosa.