Home Cronaca Professore morto dopo il vaccino AstraZeneca: i risultati dell’autopsia sul corpo di...

Professore morto dopo il vaccino AstraZeneca: i risultati dell’autopsia sul corpo di Sandro Tognatti

CONDIVIDI

Il docente 57enne è deceduto la scorsa domenica mattina, 14 ore dopo l’inoculazione della prima dose di vaccino.

autopsia Sandro Tognatti

Nei prossimi giorni sono attesi anche i risultati degli esami istologici.

La morte di Sandro Tognatti

Era stato vaccinato lo scorso sabato mattina Sandro Tognatti, il docente di 57 anni, morto improvvisamente la scorsa domenica nella sua casa di Cossato, a Biella.

Il docente è deceduto 14 ore dopo l’inoculazione della prima dose di vaccino AstraZeneca.

Il medico di base di Tognatti ha segnalato l’accaduto all’Unità di Crisi alla regione, che ha quindi sospeso la somministrazione dei vaccini AstraZeneca.

Leggi anche –> Prof morta dopo il vaccino, la verità dall’autopsia sul corpo di Annamaria Mantile

Una decisione che ha dato il via alla stessa disposizione da parte delle altre regioni italiane, in attesa di ulteriori accertamenti.

Tognatti, che insegnava clarinetto al Conservatorio Cantelli di Novara, ha accusato un malore domenica mattina, 14 marzo. Quando i soccorsi sono giunti sul posto, per il 57enne non c’era ormai più nulla da fare.

I risultati dell’autopsia

Sul corpo del docente è stato quindi effettuato l’esame autoptico, che ha escluso un nesso tra il vaccino ed il decesso.

Come riferisce anche La Stampa, ad uccidere il docente sarebbe stato:

“Un problema cardiaco improvviso, che non ha lasciato segni di cause macroscopiche sul corpo”.

A fornire ulteriori risposte saranno gli esami istologici, che saranno resi noti nei prossimi giorni.

“Quello che mi conforta è che finalmente potremo disporre una sepoltura degna per mio figlio”

ha detto il padre del docente.

Intanto, Agenzia Europea per i medicinali ha avviato un’inchiesta su alcuni lotti del vaccino AstraZeneca per fugare ogni dubbio su eventuali correlazioni tra decessi e somministrazioni.

“Fino al 10 marzo ci sono stati 30 casi di eventi tromboembolici riportati su quasi 5 milioni di persone vaccinate con AstraZeneca”

ha spiegato la direttrice esecutiva dell’Ema, Emer Cooke.