Home News Fase 3, Carburanti: prezzo benzina a 1,4 euro al litro

Fase 3, Carburanti: prezzo benzina a 1,4 euro al litro

CONDIVIDI

Prezzo carburanti in risalita: la quotazione della verde inverte il trend

Dopo il calo drastico nel periodo del lockdown, legato al crollo dei consumi e delle quotazioni internazionali, il prezzo della benzina inverte il suo trend e risale a quota 1,4 euro al litro.

In base all’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati comunicati dai gestori al Mise le diverse compagnie petrolifere sono comprese tra 1,395 e 1,421 euro al litro.

Il prezzo medio praticato del diesel self service è 1,284 euro al litro, con le compagnie posizionate tra 1,278 e 1,305 euro al litro.

Prezzo Benzina in risalita: ecco perché

Il petrolio sale dopo che la Libia ha chiuso il più grande giacimento e la domanda è aumentata.

Il prezzo del petrolio è aumentato dopo che la Libia ha nuovamente chiuso il suo giacimento petrolifero poco dopo la riapertura.

L’ottimismo della domanda ha avuto un impulso quando il New Jersey ha allentato le norme di restrizione.

Nell’ultima serie di dati sulla domanda dell’Energy Information Administration, il consumo di benzina negli Stati Uniti è aumentato, mentre i distillati, incluso il diesel, hanno invertito il trend.

Mercato del petrolio per jet: produzione e consumo

Il consumo di carburante per jet è molto più basso rispetto allo scorso anno, quasi l’80% in meno.

Le raffinerie – in particolare in Europa e negli Stati Uniti – stanno cercando di produrre il minor carburante possibile per jet perché la domanda dell’industria aeronautica rimane molto inferiore rispetto al periodo pre-crisi pandemica.

Il greggio è rimbalzato da quando è sceso al di sotto dello zero ad aprile, poiché i tagli alla produzione da parte dell’alleanza dei produttori OPEC + hanno ridotto un eccesso globale.

La domanda è aumentata a seguito dell’allentamento delle restrizioni di blocco in alcuni paesi.

Tuttavia, con un eccesso di carburanti, Goldman Sachs Group Inc. ha ribassato il prezzo del petrolio a breve termine a causa dei bassi rendimenti derivanti dalla raffinazione.

L’American Petroleum Institute ha riferito che gli inventari del greggio degli Stati Uniti sono aumentati di 8,42 milioni di barili.