Home News Potabilizzare l’acqua marina in soli 30 minuti? Grazie alla luce solare

Potabilizzare l’acqua marina in soli 30 minuti? Grazie alla luce solare

CONDIVIDI

Gli scienziati potrebbero aver trovato una possibile risoluzione ad un grande problema a livello globale a basso costo e rapidamente.

potabilizzazine acqua sole

La carenza di acqua a livello globale è molto sentita e si tratta di un problema di non facile risoluzione. Per rispondere a quest’esigenza un team di scienziati ha elaborato un metodo molto rapido per poter rendere potabile l’acqua del mare in soli 30 minuti, sfruttando la luce solare.

Una pratica semplice ed efficace

È stato utilizzato un filtro a MOF che è un materiale molto particolare e si tratta di strutture metallo-organiche. Dall’esperimento sono stati prodotti 139,5 litri di acqua potabile per chilo di MOF al giorno.

La tecnologia inventata è più efficiente, accurata delle precedenti ed utilizza energia pulita per ottenere acqua potabile. Questo processo di desalinizzazione è sostenibile ed economico.

L’acqua viene fatta passare per il filtro che assorbe il sale dall’acqua senza consumare energia. Per essere rigenerato servono soltanto 4 minuti di esposizione al sole. Dopo potremo riutilizzarlo tranquillamente.

L’OMS dà dei parametri per definire potabile l’acqua. Per esserlo l’acqua deve avere solidi totali disciolti (TDS) minori di 600 parti per milione (ppm). Il risultato è stato sorprendente, in solo mezz’ora il risultato ottenuto è di TDS <500 ppm.

I possibili utilizzi di questa tecnologia

Il principale autore della ricerca è il professor Huanting Wang, ed è un ricercatore del dipartimento di ingegneria chimica dell’Università di Monash, in Australia.

Secondo il docente questo metodo sarebbe un modo per integrare le riserve di acqua. Sarebbe una soluzione ideale dove vi è scarsità di acqua dolce e ci sia invece abbondanza di quella di mare o salmastra.

L’uso dell’energia solare per rigenerare i filtri, rende questo metodo una soluzione efficiente dal punto di vista energetico. Si tratta di una soluzione ecosostenibile non utilizza troppa energia e non si impiegano sostanze chimiche.