Home News POS obbligatorio: niente multe per i commercianti che non accettano il Bancomat

POS obbligatorio: niente multe per i commercianti che non accettano il Bancomat

CONDIVIDI

Addio alle sanzioni per i commercianti senza POS: i commercianti possono stare tranquilli

DL Fisco 2020: dagli ultimi correttivi apportati, il Governo Conte “Bis” eliminato l’emendamento che prevedeva una doppia sanzione, a partire dal 1° luglio 2020, nel caso di mancata accettazione da parte degli esercenti commerciali di pagamenti di qualsiasi importo con bancomat.

L’obbligo del POS e l’irrogazione di pesanti sanzioni a partire da luglio 2020 sembra essere un lontano ricordo.

E, allora, che cos’è successo all’obiettivo dell’attuale Governo di combattere definitivamente l’evasione fiscale? Perchè il dietrofront?

Incentivare l’utilizzo della moneta elettronica e limitare l’utilizzo del denaro contante sono le due armi vincenti per lottare all’evasione fiscale.

Dl fisco 2020: modifiche al Decreto 124/2019

Il POS è obbligatorio dal 2014, ma a causa dell’assenza di vere e proprie sanzioni, sono tantissimi gli esercenti commerciali sprovvisti del POS e che non si adeguano alla legge.

Con l’eliminazione dell’articolo 23 del Decreto Fiscale 2020, si verifica un passo indietro nella lotta all’evasione, piaga sociale di questo Paese.

Ricordiamo che l’articolo 23 del Decreto 124/2019 prevedeva una doppia sanzione: 30 euro più l’aggiunta del 4% del valore della transazione negata al cliente per i commercianti privi di POS, a partire dal primo luglio 2020.

In buona sostanza, nonostante il POS sia obbligatorio dal 2014, i commercianti che sono sprovvisti di POS e negano ai propri clienti la possibilità di pagare tramite carta o bancomat non incorrono in nessuna sanzione.

Perché evitare il POS? Il timore diffuso tra i commercianti è quello di evitare il pagamento di costi di commissione e di installazione, ma anche la tracciabilità delle operazioni eseguite.

C’è chi, come il M5S, che ritiene che l’obbligo del POS possa essere imposto ai commercianti solo se si riducono i costi di commissione.

Dinanzi a questo dietrofront del Governo Conte, c’è da domandarsi che ne sarà del Bonus Befana dato che viene riconosciuto ai contribuenti fiscali che pagano con il POS.