Home News Ponte Morandi riaperto al traffico: sul nuovo viadotto San Giorgio tornano le...

Ponte Morandi riaperto al traffico: sul nuovo viadotto San Giorgio tornano le auto

CONDIVIDI

A 2 anni dalla tragedia del Ponte Morandi, in cui persero la vita 43 persone, tornano a circolare le auto sul nuovo viadotto San Giorgio.

ponte morandi di Genova

 

Nella serata di martedì, 4 agosto, le prime auto hanno attraversato il nuovo Ponte Morandi, ora denominato viadotto San Giorgio.

Aperto al traffico il nuovo viadotto San Giorgio

A poco meno di due anni dalla tragedia del ponte Morandi, la città di Genova ha un nuovo viadotto che collega le due sponde del Polcevera. Come riferisce anche Fanpage, il nuovo ponte San Giorgio è stato aperto al traffico intorno alle 22 di martedì 4 agosto.

Nel primo minuto dall’apertura sono transitati una decina di veicoli sul nuovo viadotto, tra cui una moto. Una volta aperta anche l’altra carreggiata, gli automobilisti si sono salutati da un lato all’altro del ponte.

La cerimonia d’inaugurazione

Dopo la cerimonia d’inaugurazione con il taglio del nastro, avvenuta lo scorso lunedì alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, i tecnici e gli operai hanno ultimato gli ultimi dettagli, liberando il manto stradale e sistemando la cartellonistica.

Alle 18 la consegna simbolica da parte del commissario alla Ricostruzione, Marco Bucci, al nuovo concessionario del ponte, Autostrade per l’Italia.

L’ultima ispezione di Aspi ha reso necessario un intervento per sistemare due avvallamenti causati da un mezzo qualche giorno prima della cerimonia.

Alla cerimonia, sobria e discreta, come richiesto dai familiari delle vittime, hanno partecipato i parenti delle 43 persone che persero la vita nel crollo del Ponte Morandi, quando il cemento si frantumò sotto il peso delle auto alle 11:36 del 14 agosto 2018.

“È una giornata come le altre, noi siamo legati al 14 agosto, non a oggi, e come stiamo dicendo in questi giorni noi rimaniamo sotto al ponte, non sopra”

hanno raccontato i familiari delle vittime.