Home Cronaca Genova, Ponte Morandi, parla il padre di Giovanni Battiloro

Genova, Ponte Morandi, parla il padre di Giovanni Battiloro

CONDIVIDI

Ponte Morandi: parla Roberto Battiloro, il padre di Giovanni, una delle vittime

Posizionato oggi l’ultimo impalcato del nuovo Ponte Morandi di Genova, sono trascorsi quasi due anni dal crollo del Ponte Morandi di Genova, avvenuto il 14 agosto 2018.

In occasione del varo del nuovo ponte sul viadotto del Polcevera Roberto Battiloro, papà di Giovanni, una delle 43 vittime, si è lasciato andare a un duro sfogo su Facebook:

“Certo cosa giusta è ripartire, ma come faremo mai a ripartire noi, lasciati monchi, senza un figlio, ucciso a 29 anni dallo Stato Italiano che ha finto di controllare le manutenzioni delle società della famiglia Benetton.

Lavori mai fatti sul vecchio Ponte Morandi, crollato il 14 Agosto del 2018, insieme alla nostra vita, e alla vita di altre centinaia di persone tra vittime e familiari”.

Giovanni Battiloro, 29 anni, è uno dei quattro ragazzi di Torre del Greco, in provincia di Napoli, che sono morti nel crollo del Ponte Morandi.

“Nessuna ricostruzione sarà in grado di ricostruire le nostre anime uccise insieme al nostro ragazzo.

Nessun gaudio, solo immenso dolore per ciò che ancora oggi si finge di non vedere, la corruzione a tutti i livelli, politici e amministrativi.

Uccidere per lucrare. Che sia fatta giustizia”,

scrive su Facebook Roberto Battiloro.

Ponte Morandi: oggi posizionato l’ultimo impalcato

L’allineamento esatto del piano strada che congiunge il levante con il ponente è avvenuto attorno alle 11 di stamani.

Erano presenti anche il Premier Giuseppe Conte e la Ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli.

“Oggi suturiamo una ferita”,

ha detto il Premier Conte, ma

“non potrà essere completamente rimarginata perché ci sono 43 vittime e noi non dimentichiamo”.

Al completamento del ponte hanno suonato sirene del cantiere e, contemporaneamente, quelle delle navi in porto, sotto una gigante bandiera del capoluogo ligure, che è stata fatta calare dal piano strada del nuovo viadotto.

“Prima dell’estate si può passare sul ponte”,

assicura Pietro Salini, Amministratore Delegato di Salini-Impregilo.