Home Politica Politica, Matteo Renzi è sicuro: “Il governo Conte cadrà”

Politica, Matteo Renzi è sicuro: “Il governo Conte cadrà”

CONDIVIDI

Matteo Renzi sarebbe passato all’attacco dopo la conferenza tenuta dal premier ed avrebbe pronosticato la caduta del governo.

Renzi
Continua lo scontro politico tra il premier ed il leader di Italia Viva.

Matteo Renzi, nel corso di un’intervista, avrebbe attacco il premier Giuseppe Conte. Il leader di Italia Viva avrebbe esordito sottolineando la propria differenza con Matteo Salvini.

Il leader di Italia Viva avrebbe detto di non aver nulla da perdere

Renzi, infatti, da questa situazione non avrebbe niente da perdere. Altra storia per l’attuale premier il quale, come detto dallo stesso Renzi, anche se vincesse in aula si ritroverebbe con una maggioranza debole.

In caso contrario, invece, ossia una vittoria dell’opposizione, il governo attuale sarebbe comunque costretto a tornarsene a casa. Una situazione che risulta davvero tesa tra governo ed opposizione dopo le prime scintille avute già per la richiesta di modifica al Recovery Plan.

A far infuriare Renzi una frase detta a Palazzo Madama

Giuseppe Conte, infatti, durante la tradizionale conferenza stampa a Palazzo Madama ha sfidato apertamente il leader di Italia Viva. Il premier non sarebbe interessato a cedere la delega dei servizi segreti, boccia il Mes e non sarebbe neanche più convinto del rimpasto.

“Il passaggio parlamentare è fondamentale. È chiaro che non si può governare senza la coesione delle forze di maggioranza, si può solo vivacchiare. Finché ci sarò io ci saranno sempre passaggi chiari, franchi, dove tutti i cittadini potranno partecipare e i protagonisti si assumeranno le rispettive responsabilità”.

Sarebbe stata questa però la frase che ha fatto traboccare il vaso. Conte, infatti, vorrebbe fare come con Salvini in cui invitò il suo oppositore a presentarsi in Senato e spiegare perché vuole togliere la fiducia al governo.

All’epoca per Conte questa carta si mostrò vincente ma non è detto che il finale, in questo caso, abbia lo stesso esito poiché tanti eletti di Italia Viva non sono sicuri di riuscire a tornare in parlamento in caso di scioglimento delle camere.