Home News Pistoia, razzismo contro la commessa del supermercato UniCoop

Pistoia, razzismo contro la commessa del supermercato UniCoop

CONDIVIDI

I sindacati chiedono una presa di posizione decisa da parte della catena del supermercato in modo che episodi  del genere non accadano più.

Razzismo supermercato
La filiale centrale di Firenze avrebbe prontamente consolato la commessa promettendo che certi episodi non si verificheranno più.

Negli scorsi giorni alla filiale della Coop di Pistoia, un supermercato, una commessa è stata vittima di un episodio di razzismo. Tutto ha avuto inizio quando un cliente, un uomo, era in fila al banco salumi ad attendere il proprio turno.

L’uomo avrebbe chiesto di non essere servito dalla commessa di colore

Quest’ultimo, al momento di essere servito avrebbe chiesto esplicitamente di non essere assistito dalla commessa di colore. L’episodio, come giusto che sia, ha causato scalpore non solo all’interno del locale ma anche nei sindacati.

Proprio quest’ultimi, nello specifico i sindacati di Filcams Cgil e Rsu, avrebbero denunciato l’episodio accaduto all’Unicoop di Pistoia tramite una nota.

“Un cliente, davanti al banco gastronomia, in presenza di altri clienti e degli addetti, ha affermato di non voler essere servito dall’addetta, in quel momento disponibile, perché nera”

Allegati a quest’ultima ci sarebbe la richiesta di una tutela della lavoratrice oltre alla presa di qualche provvedimento.

Il cliente, stando alle ricostruzioni, avrebbe atteso decine di minuti pur di non essere servito dalla commessa. Questo ha portato l’uomo ad essere scavalcato diverse volte prima di venir allontanato dal banco salumi.

La commessa sarebbe addirittura scoppiata a piangere

Nonostante ciò, l’uomo ha ribadito la propria posizione continuando ad inveire sulla commessa la quale è stata ridotta alle lacrime secondo quanto descritto dai sindacati.

Unicoop Firenze, infine, per tutta risposta ha espresso solidarietà verso la propria dipendente, assicurando che episodi del genere non verranno più tollerati in nessuna delle loro filiali.