Home Cronaca Pisa, dramma in piscina: bimba di 3 anni muore annegata

Pisa, dramma in piscina: bimba di 3 anni muore annegata

CONDIVIDI

Tragedia in un agriturismo di Riparbella, in provincia di Siena. Una bimba di 3 anni è morta annegata, dopo essere finita in piscina.

bimba annegata

L’agriturismo ospita 41 richiedenti asilo. Pare che la bimba annegata stesse giocando con un amichetto, quando è avvenuta la tragedia. Indagini in corso delle forze dell’ordine.

Dramma a Riparbella

Tragedia in un agriturismo di Riparbella, in provincia di Pisa. Una bimba di 3 anni è morta annegata, dopo essere caduta nella piscina della struttura.

La tragedia, come riferisce anche Fanpage, è avvenuta nel pomeriggio di ieri, venerdì 19 giugno, intorno alle 16.

La piccola, di origine nigeriana, stava giocando con un amichetto all’interno dell’agriturismo, che attualmente ospita 41 richiedenti asilo, tutti di origine africana.

Sull’episodio indagano ora i carabinieri della Compagnia di Volterra, giunti immediatamente sul posto, appena scattato l’allarme.

Indagini in corso

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, pare che la piccola stesse giocando con un altro bambino, quando è sfuggita al controllo dei familiari.

Si è allontanata dall’edificio principale ed è finita in piscina. Sono state le grida dell’amichetto a richiamare l’attenzione dei genitori della piccola e degli altri adulti, che sono immediatamente accorsi sul posto.

La piccola è stata tirata fuori dalla piscina in pochi istanti. Attivato anche l’elissoccorso del 118. I sanitari giunti sul luogo della tragedia nulla hanno potuto fare per salvarla. La piccola è morta subito dopo il recupero dalla piscina.

L’impianto sportivo in cui la bimba è annegata fa parte della struttura dell’agriturismo, ma si trova a un centinaio di metri dallo stabile dove vengono ospitati i migranti e dove, al momento della tragedia si trovavano anche i genitori della bambina.

Stando ai primi controlli efffettuati dalle forze dell’ordine, pare che i 41 ospiti non abbiano l’autorizzazione ad utilizzare l’edificio. Anche su questo ramo si stanno muovendo le indagini dei Carabinieri.