Home News “Non sono perfetta”, l’emozionante lettera di Sara al papà Pino Daniele

“Non sono perfetta”, l’emozionante lettera di Sara al papà Pino Daniele

CONDIVIDI

Sara, figlia di Pino Daniele, ha voluto dedicare un saluto all’amato papà scomparso cinque anni fa. Un messaggio emozionante che ha lasciato impressa su Instagram.

Pino Daniele ci ha lasciati sei anni fa. La sua scomparsa ha lasciato un vuoto, non solo nei suoi amici e nei colleghi che, da sempre, lo stimavano, ma anche – e soprattutto – nel cuore della figlia Sara.

Dal suo account ufficiale di Instagram, la giovane ha rivolto un pensiero al genitore scomparso e al quale era legatissima. Parole emozionanti che hanno commosso anche i suoi fan, che la seguono ogni giorno.

Non sono perfetta“, questa è una delle frasi che possiamo estrapolare dal suo accorato ricordo del padre che è stato uno dei più acclamati artisti italiani.

Sara Daniele

Sara al papà Pino Daniele: “Non sono perfetta”

Sara Daniele ha scritto un messaggio ricco di emozioni ed orgoglio per il papà Pino Daniele. La giovane si è rivolta a Instagram per poter esprimere tutto l’amore che provava – e sente ancora – per il suo amato genitore.

Il post su Instagram:


Come possiamo leggere in didascalia, “Ho realizzato che noi figli siamo l’estensione dei nostri genitori e dei loro insegnamenti, non sono perfetta ed ho ancora tantissime cose da imparare, ma se guardo il mio percorso dai 18 anni alla donna che sono oggi, credo che un pò saresti fiero. Grazie Papà, per tutto“. 

Pino Daniele, la scomparsa il 4 gennaio 2015

Era la giornata del 4 gennaio 2015, quando Pino Daniele lasciò il mondo della musica e la sua adorata famiglia.

L’artista partenopeo aveva diversi problemi cardiaci, molto gravi, che i medici non riuscirono a risolvere.

Così, quello sfortunato giorno, Pino fu colto da un infarto nella sua abitazione toscana e fu da lì trasferito all’Ospedale Sant’Eugenio di Roma, dove – però – non riuscì a sconfiggere il malore.

I dottori, infatti, lo dichiararono morto, alle 22.45, dopo diversi tentativi di rianimazione.