Home News Piattaforma Rousseau, gli iscritti chiamati a votare sul Patto Civico Umbria

Piattaforma Rousseau, gli iscritti chiamati a votare sul Patto Civico Umbria

CONDIVIDI

Piattaforma Rousseau di nuovo in movimento, con gli iscritti che domani sono chiamati a votare per qualcosa di molto importante. Ecco gli aggiornamenti sul tema

Piattaforma Rousseau
Piattaforma Rousseau

Il M5S chiede aiuto alla Piattaforma Rousseau per la votazione importante in merito alla vicenda dell’Umbria.

Per cosa si vota sulla piattaforma?

Tutti gli iscritti che possono votare sono chiamati ad esprimersi domani, in merito al “patto civico per l’Umbria” con il Pd. Una possibilità nuova al fine di dare il proprio parere sulla proposta di Luigi Di Maio.

Questo servirebbe quindi al sostegno delle elezioni in Umbria regionali, con un candidato presidente civico: Catia Bastioli oppure il Sindaco di Assisi Stefania Proietti sostenute dalle forze politiche.

Il Blog delle Stelle evidenzia che se gli iscritti voteranno nella maggior parte in positivo:

“sarà necessario individuare il candidato per al’attibuzione della facoltà che il codice etico del m5s attribuisce solitamente al candidato presidente della regione”

Se tutto questo dovesse concretizzarsi, la proposta di alleanza verrà sottoposta agli iscritti con una votazione online a livello nazionale.

In caso, invece, che la proposta venga accettata ma il candidato non sia del M5s allora non si procede alla votazione – così da proseguire con altra modalità.

Il M5s punta sulle due donne sopra citate Bastioni e Proietti:

“sono persone di altissimo profilo, per il futuro di questa regione stiamo assicurando l’impegno delle migliori energie d’italia”

Si proseguirà quindi con questa idea, anche se il Pd dirà di no e non vorrà far parte del patto civico per Umbria.

La votazione per gli iscritti al M5s

La votazione sarà attiva nella giornata di domani 20 settembre, dalle ore 10 sino alle ore 19. Gli iscritti che potranno votare dovranno essere iscritti da almeno sei mesi con documento certificato richiesto dallo Statuto. Un notaio manderà avanti il controllo sulla regolarità del voto stesso e i voti verranno depositati presso due notai differenti.