Home Salute & Benessere Perché l’Islanda non è più il paese più salutare del mondo?

Perché l’Islanda non è più il paese più salutare del mondo?

CONDIVIDI

L’Islanda non il paese più salutare del mondo, almeno secondo il parere degli esperti.

Islanda

L’Islanda non è più il paese più salutare del mondo

I ricercatori sembrano cambiare idea a giorni alterni su quale tipo di dieta sia la migliore da seguire. Man mano che una dieta sostituisce a un’altra, le persone si chiedono come dovrebbero mangiare davvero.

Bene, secondo il Bloomberg Healthiest Country Index del 2019, dovremmo tutti mangiare e vivere come spagnoli, dato che il paese europeo è stato nominato quello più sano del mondo.

Allora, cosa ha la Spagna che quegli altri paesi non hanno? Una serie di fattori ambientali e comportamentali influenzano l’esito dell’indice dei Paesi più salubri, tra cui l’aspettativa di vita, l’abuso di sostanze, la malattia, la qualità dell’acqua, ecc.

Come altre nazioni più sane del mondo, tra cui l’Italia e l’Islanda (rispettivamente il secondo e il terzo paese più sani), i cittadini della Spagna godono di una dieta molto costante di pesce.

La dieta spagnola, nota anche come dieta mediterranea, comprende anche abbondanti quantità di olio d’oliva, noci e verdure e carne rossa molto limitata.

Di conseguenza, il paese ha visto un declino costante nelle malattie cardiache negli ultimi dieci anni e un declino nel numero di decessi correlati al cancro, come riportato dall’Osservatorio europeo sui sistemi sanitari e le politiche.

Quando si tratta di assistenza sanitaria, la Spagna si affida principalmente ai fornitori di servizi sanitari pubblici e alle pratiche familiari, in contrasto con le organizzazioni sanitarie altamente privatizzate che vediamo negli Stati Uniti (che, tra l’altro, si sono classificate al 35° posto nell’Indice dei Paesi Healthiest 2019).

Mentre il Giappone detiene attualmente la più alta aspettativa di vita nel mondo, gli esperti prevedono che la Spagna prenderà la corona dal paese asiatico in questo senso entro il 2040, quando l’aspettativa di vita alla nascita per i cittadini dovrebbe arrivare agli 86 anni.

Solo il tempo dirà se la Spagna manterrà il titolo di Paese più ricco del mondo negli anni a venire. Vale la pena notare, tuttavia, che su 169 paesi esaminati da questo studio, sei tra i primi dieci erano nazioni europee.