Home News Pensioni, assegno unico e buste paga: cosa cambierà nel 2021

Pensioni, assegno unico e buste paga: cosa cambierà nel 2021

CONDIVIDI

Legge Bilancio: i cambiamenti per il 2021 sono delineati per pensioni, buste paga, assegno unico, aiuti covid-19 e molto altro. Ecco cosa cambierà.

legge bilancio novità 2021

Il Parlamento deve esprimersi sulla bozza definitiva della Legge bilancio approvata dal Consiglio dei Ministri. Ci saranno dei cambiamenti nel 2021 tra i quali un taglio al cuneo fiscale, aiuti per emergenza Covid-19 e molto altro.

Ecco cosa cambierà il prossimo anno: tutto quello che c’è da sapere.

Legge Bilancio: pensioni e altre novità per 2021

La bozza della legge Bilancio che circola in questi giorni dovrebbe essere proprio quella definitiva, manca solo l’approvazione del Parlamento: 248 articoli e molte novità per il nuovo anno che ci aspetta.

Una delle novità centrali per il 2021 è lo stanziamento di 3 miliardi da impiegare per l’assegno unico destinato alle famiglie, il taglio del cuneo fiscale ma anche il bonus figlio unico a carico fino al 21esimo anno di età.

Per quanto riguarda le pensioni, dal 1 gennaio 2022 quasi certamente ci saranno solo 3 fasce e la pensione sarà rivalutata fino anche a 4 volte di più rispetto al minimo attuale. La manovra prevede anche il riconoscere una piena anzianità contributiva ai soggetti con part-time verticali ciclici.

Il Cashback, rimborso sugli acquisti

Dal 2021 sarà ufficialmente introdotto il cashback cioè un rimborso del 10% degli acquisti effettuati con carta nei negozi fisici. Già da dicembre 2020 dovrebbe arrivare il primo rimborso. Il governo non ha previsto di imporre tasse sul cashback poiché i rimborsi non contribuiscono a formare del reddito e quindi non saranno soggetti a tassazione.

La legge Bilancio 2021, ha confermato il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, ha messo in conto anche un buon rifinanziamento del taglio del cuneo fiscale con un aumento di massimo 100€ al mese. Il rifinanziamento apparirà direttamente in busta paga per coloro che non superano i 40 mila euro annui di reddito.

Altre novità da conoscere

Per l’emergenza Coronavirus ingenti risorse saranno impiegate per aiutare i cittadini che più hanno patito la pandemia. Infatti ben 4 miliardi saranno stanziati per aiutare le attività maggiormente in sofferenza.

L’acquisto dei vaccini anti-coronavirus e di tutti i farmaci necessari per curare i pazienti saranno coperti da 400 milioni già riservati. Il fondo ristori sarà rifinanziato con 4 miliardi e 5 miliardi saranno invece impiegati per il Cig Covid-19.

Si avrà una decontribuzione per le assunzioni del 2021 e del 2022 di donne e giovani con l’istituzione di un fondo da 500 milioni per supportare le politiche già attive.

Saranno destinate più risorse per gli asili nido e il potenziamento di tutte le strutture comunali: 100 milioni nel 2022, poi 150 milioni nel successivo anno fino ad arrivare a 300 milioni annui nel 2026.