Home News Pensione in anticipo e quattordicesima estesa: il cambiamento di piani

Pensione in anticipo e quattordicesima estesa: il cambiamento di piani

CONDIVIDI

La pensione sarà presa in anticipo e invece la quattordicesima sarà estesa. Probabile riforma delle pensioni nella nuova legge Bilancio: i nuovi piani.

INPS

La pensione in anticipo e la quattodicesima estesa, si pensa che il Governo italiano stia studiano una nuova Legge Fornero ma i dubbi ancora sono molti.

Al momento la formula sperimentale di pensionamento anticipato prevede la quota 100 e ha come data di scadenza il 2021.

Per la precisione sarà adottato questo pensionamento fino al 31 dicembre 2021.

Dopo questa data il Governo sarà costretto ad apportare delle modifiche al sistema pensionistico per evitare il ritorno di una possibile legge Fornero bis.

Ecco quali sono le ipotesi e i dubbi che aleggiano sulla questione: pensione in anticipo, 14esima estesa e molto altro.

I dubbi e ipotesi per il 2022

Dal 1 gennaio 2022 il governo sarà costretto ad attuare dei cambiamento in materia di pensione INPS anticipata affinché non ci sia un ritorno della legge Fornero.

Dovrà senza alcun dubbio varare un provvedimento basato su una riforma delle pensioni andando a lavorare sulla flessibilità in uscita.

Uno dei dubbi che attanaglia i cittadini è se la riforma delle pensioni sarà inserita nella prossima Legge Bilancio oppure no.

Dovrebbe essere inserita e apportare le seguenti modifiche come da proposta:

  • rafforzare l’Ape sociale
  • inserire più forme flessibili in uscita
  • potenziare le opzioni per la donna
  • estendere la quattordicesima

Questi sopra elencati dovrebbero essere le modifiche il governo attuerà dal 2022 in materia di pensioni: estendere la quattordicesima ad una platea maggiore sarebbe un cambiamento apprezzatissimo.

Al momento sono molti i pensionati esclusi dalla 14esima e la proposta al Ministero per estenderla è stata consegnata.

Il Ministero del Lavoro già da tempo sta lavorando con i Sindacati per istituire in Italia un quadro legislativo migliore dopo la fine della quota 100.

I tempi corrono anzi volano e anche il mondo lavorativo-pensionistico deve adeguarsi migliorandosi ed evolvendo tenendo sempre conto delle esigente dei lavoratori e non dimenticando la sostenibilità delle finanze statali.

I cittadini temono una legge Fornero Bis che li potrebbe far lavorare ancora più a lungo: questo è il secondo dubbio che li attanaglia.

Anche la stampa ne è terrorizzata e teme che il Governo nell’oramai non troppo lontano 2022 possa istituire una nuova legge Fornero cioè una nuova legge di riforma pensionistica.

Sarebbe senza dubbio più dura e stringente dell’attuale costringendo i cittadini a lavorare più a lungo.

LettoQuotidiano.it è stato selezionato nella nuova app di Google News. Per rimanere sempre aggiornato clicca qui e poi sulla stellina “Segui”