Home News Pensione di invalidità 2020: cosa c’è da sapere sull’aumento e sulla platea...

Pensione di invalidità 2020: cosa c’è da sapere sull’aumento e sulla platea di beneficiari

CONDIVIDI

La pensione di invalidità continua ad essere al centro del dibattito viste le news in merito all’incremento ed alla platea di beneficiari.

pensione invalidità

E’ stato confermato l’incremento della pensione di invalidità 2020 fino ad un massimo di 651,51 euro.

Si parla di un incremento che varierà da 364,70 a 0 euro in base al reddito e, secondo quanto stabilito dal Decreto Agosto, va a specificare la modifica essenziale che prevede la possibilità per coloro che hanno compiuto la maggiore età e non più dai soli 60 anni, di poter beneficiare di questo aumento.

I beneficiari dell’incremento della pensione di invalidità avranno diritto all’aumento a partire dal 20 luglio 2020, che corrisponde alla data di pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

Aumento Pensione di invalidità 2020: chiarimenti utili

La Sentenza della Corte Costituzionale non stabilisce i requisiti per avere l’integrazione al milione ma afferma che l’articolo 38 della Legge 448 del 2001 è incostituzionale nella parte in cui garantisce l’integrazione al milione solo agli invalidi civili totali che abbiano compiuto 60 anni.

La Circolare n. 44 del 1 marzo 2002 dell’INPS chiarisce come applicare l’incremento sulle pensioni di invalidità affermando quanto segue:

“Il comma 1 dell’articolo 38 della legge 28 dicembre 2001, n.448, non prevede un importo fisso di maggiorazione sociale, ma stabilisce che, a decorrere dal 1° gennaio 2002, la maggiorazione sia incrementata in misura tale da garantire un reddito proprio pari a 516,46 euro al mese per tredici mensilità”.

L’aumento della pensione di invalidità segue regole diverse, ma è condizionato anche dall’eventuale erogazione del reddito di cittadinanza.

Aumento pensione di invalidità: è compatibile con reddito di cittadinanza?

I redditi da computare sembrano essere quelli che derivano da lavoro dipendente o assimilato, da lavoro autonomo e occasionale, da pensioni ai superstiti e tutti gli altri assoggettabili ai fini Irpef.

Non sono computabili per l’ammontare del reddito gli importi che derivano da pensione di invalidità civile, trattamenti di famiglia e pensioni di guerra.

Aumento Pensione Invalidità: chi può beneficiarne?

A beneficiare dell’incremento della pensione d’invalidità sono: invalidi civili al 100%, invalidi civili, inabili, sordi e ciechi civili assoluti con almeno 18 anni e con reddito non superiore al tetto di 8.469,63 euro per chi è solo e di importo pari a 14.447,42 per chi è coniugato.