Home News Patto di Stabilità: Governo punta a presentare Recovery plan entro il 15...

Patto di Stabilità: Governo punta a presentare Recovery plan entro il 15 ottobre

CONDIVIDI

Patto di Stabilità, Valdis Dombrovskis: illustrato il rapporto annuale del Fiscal Board

Il Commissario all’Economia, Paolo Gentiloni, nel corso di una conferenza in Grecia risponde all’ipotesi di ripristinare il Patto di Stabilità già nel 2021, avanzata dal vicepresidente dell’esecutivo Valdis Dombrokskis.

«Dobbiamo essere politicamente molto saggi nella scelta dei tempi e dei modi per andare gradualmente verso una diversa politica di bilancio.

Avremo ancora bisogno nel 2021 di un sostegno fiscale, di sicuro, non possiamo rischiare una nuova crisi del debito come abbiamo già sperimentato dieci anni fa».

Il vicepresidente esecutivo della Commissione Europea Valdis Dombrovskis, in videoconferenza stampa a Bruxelles dopo il collegio dei commissari, cui il presidente dello European Fiscal Board Nils Thygesen ha illustrato il rapporto annuale del Board.

La condizione per applicare la clausola generale di salvaguardia, che sospende l’applicazione delle regole del patto di stabilità

“è chiara, è una recessione seria nell’Eurozona o nell’Ue nel suo complesso. Questo è il parametro che monitoriamo”.

Dal Report of the European Fiscal Board emergono le valutazioni sulla clausola generale di salvaguardia:

“l’applicazione della clausola generale di salvaguardia del patto di stabilità nelle circostanze attuali è giustificata, ma il rapporto dice anche che dovrebbe essere riesaminata entro la primavera 2021 al più tardi”,

sottolinea Dombrovskis.

Ciò è in linea con il pensiero della Commissione:

“Non abbiamo fissato date specifiche per disattivare la clausola generale di salvaguardia, perché l’incertezza oggi è troppo grande.

Ci torneremo con le previsioni economiche d’autunno: potremmo prendere decisioni allora o più avanti, nella primavera 2021″.

La Commissione europea abbandona il regolamento fiscale per le politiche sanitarie e climatiche

Mercoledì la Commissione europea si è raccomandata ai governi di concentrarsi sulla salvaguardia della salute delle persone e del pianeta dopo aver abbandonato il suo regolamento fiscale in modo tale che gli stati possano combattere il fallout economico di COVID-19.

“Il Coronavirus ci ha colpito come un asteroide e ha lasciato un buco a forma di cratere nell’economia europea”,

ha dichiarato il vicepresidente esecutivo Valdis Dombrovskis in una nota.

“In questa fase immediata, il nostro obiettivo è di investire nella salute pubblica e proteggere posti di lavoro e aziende”.

Quest’anno è diverso a causa della pandemia, che ha costretto i governi a bloccare le loro economie per impedire la diffusione del virus.

Bruxelles ha già rinunciato alle sue regole sul disavanzo e ha allentato le restrizioni sugli aiuti statali, dando agli Stati la libertà di prendere in prestito e immettere migliaia di miliardi di euro nelle loro economie per prevenire la disoccupazione di massa e il fallimento.

I governi dell’UE dovranno concentrarsi sullo sviluppo di economie verdi e digitali una volta che la pandemia si placherà, garantendo che il lockdown rimanga fedele ai suoi impegni climatici e diventi carbon neutral entro il 2050.

“Le sfide che abbiamo affrontato prima di questa crisi non sono scomparse”,

ha dichiarato Paolo Gentiloni, commissario economico.

“Guardando al futuro, i nostri obiettivi di investimento e di riforma devono rimanere concentrati sul successo delle transizioni verde e digitale e sulla garanzia dell’equità sociale”.

Bruxelles osserva un ruolo maggiore degli azionisti dell’UE nella ripresa del coronavirus

Bruxelles sta cercando di ritagliarsi un ruolo maggiore per l’UE nella ripresa del coronavirus mediante la redazione di un fondo per l’assunzione di partecipazioni in società sistemiche.

In un’intervista con POLITICO, il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis ha affermato che l’esecutivo dell’UE sta ancora valutando la forma che prenderebbe questo fondo di acquisto di azioni.

Ha detto, tuttavia, che sarebbe particolarmente importante rafforzare le aziende dei paesi membri più poveri dell’UE che non hanno la “grande potenza di fuoco” della Francia e della Germania per iniettare liquidità.

“Dobbiamo sostenere quei paesi che non possono rispondere in modo così forte con questo strumento di sostegno azionario”,

ha dichiarato il lettone, ma ha sottolineato che la Commissione potrebbe ancora cambiare idea.