Home Consigli in Cucina Patate, come conservarle per farle durare più a lungo

Patate, come conservarle per farle durare più a lungo

CONDIVIDI

Come conservare le patate per farle durare più a lungo: tutti i consigli utili per mantenerle fresche dopo l’acquisto

patate

Suggerimenti per conservare le patate e far sì che non marciscano in breve tempo.

Come conservare le patate fresche?

Le patate sono uno degli ortaggi più usati in tavola. Alimento gradito da grandi e piccini, sono molto versatili e si prestano a decine di preparazioni e tipi di cottura.

Una volta acquistate, il rischio è che vadano a male e marciscano, prima di poter essere utilizzate. Ci sono diversi trucchetti per farle durare più a lungo tra le mura domestiche.

Innanzitutto, una volta acquistate le patate, bisogna eliminare eventuali ortaggi marci o che presentino germogli, tagli o lesioni.

Se le patate si trovano nel sacchetto di rete, si possono lasciare così, basta che siano areate. Se sono state acquistate in una cassetta, si possono mettere in una busta di carta, ricordando sempre di arearle.

Il luogo ideale per conservarle è la cantina, ma anche uno stipite della cucina poco utilizzato andrà benissimo. La temperatura ideale per conservarle è compresa tra i 4 e i 12 gradi.

Se qualche ortaggio dovesse andare a male, dev’essere eliminato, perché rischierebbe di contaminare anche gli altri. Quelle da eliminare sono di colore verde, perché saranno morbide e impossibili da gustare.

Se ci sono dei germogli, basta eliminarli, se le patate sono ancora integre. Se i germogli fossero tanti, allora gli ortaggi andranno cestinati, perché avranno sviluppato una sostanza tossica detta solanina.

Come conservare le patate cotte?

Una volta cotte, le patate si possono conservare, seguendo alcuni accorgimenti. In particolare, bisogna sbianchirle, cioè disattivare gli enzimi che le farebbero deperire.

Leggi anche: Come preparare delle ottime patate noisette

Per farlo, bisogna sbucciarle e tagliarle, dopodiché farle sbollentare in acqua salata per un minuto. Poi scolarle ed asciugarle. Quindi riporle in sacchetti per il freezer e congelarle.

È possibile anche conservare le patatine fritte, sempre avendo cura di farle raffreddare, prima di riporle in sacchetti per il freezer. Per consumarle, basterà terminare la cottura in olio bollente, senza scongelarle.