Home News Parigi, professore decapitato in strada: arrestate altre 5 persone

Parigi, professore decapitato in strada: arrestate altre 5 persone

CONDIVIDI

L’agguato si è verificato nel pomeriggio di venerdì, verso le ore 17, poco dopo la fine delle lezioni.

attenato Parigi arrestate 5 persone

La “colpa” del docente sarebbe stata quella di aver mostrato delle caricature di Maometto in classe.

Attentato a Parigi

Un brutale omicidio quello avvenuto venerdì pomeriggio nelle strade dell’hinterland parigino. 

Un professore di Storia e Geografia, Samuel Paty, è stato barbaramente decapitato da un 18enne ceceno. La scorsa settimana il docente avrebbe mostrato in classe delle caricature di Maometto, durante una lezione sulla libertà di espressione.

Un gesto che avrebbe fatto adirare anche alcuni genitori dei suoi studenti, che avevano considerata irrispettosa quella esibizione di immagini caricaturali.

Arrestate altre 5 persone: tra loro genitori e nonno dell’attentatore

Nella notte sono proseguite senza sosta le indagini delle forze dell’ordine ed altre 5 persone sono state tratte in arresto. Come riferisce La Repubblica, tra loro ci sarebbero anche i genitori di uno studente della vittima.

L’aggressore, che è stato ucciso dalla polizia, poco dopo l’omicidio, è un giovane di 18 anni di origine cecena, nato in Russia.

Sono 9 quindi in totale le persone fermate in relazione all’omicidio del docente. Il 18enne che ha decapitato l’insegnante, era già noto alle forze dell’ordine per reati comuni, ma non era mai stato arrestato.

Fra gli arrestati ci sono 4 membri della famiglia del killer: oltre ai genitori, infatti, sono finiti in carcere il nonno ed il fratello 17enne.

Il presidente della Repubblica Emmanuel Macron si è recato in serata sul luogo dell’attentato.

“Voglio dire a tutti gli insegnanti di Francia, che siamo con loro, per permettergli di fare il mestiere più bello che esista”

ha detto il presidente.

Intanto, questa mattina, l’hashtag #jesuisprof è diventato il più diffuso sui social francesi. Sui social tanti i messaggi di solidarietà al docente ucciso in nome della libertà di espressione.