Home News Parigi, chiudono bar e ristoranti? Il boom di contagi inaspettato mette ko...

Parigi, chiudono bar e ristoranti? Il boom di contagi inaspettato mette ko la città

CONDIVIDI

Un nuovo boom di contagi a Parigi rende la città fragile ed è prevista una nuova chiusura di bar e ristoranti. Ecco le nuove disposizioni.

Parigi, chiudono bar e ristoranti? Il boom di contagi inaspettato mette ko la città

Parigi nuovamente protagonista per il boom di contagi e il ministro Vèran evidenzia una situazione decisamente preoccupante. Da lunedì potrebbero essere confermati nuovi provvedimenti.

Nuove disposizioni in Francia per boom di contagi

Da lunedì 5 ottobre tutto potrebbe cambiare e la città francese si potrebbe ritrovare con gli esercizi al pubblico nuovamente chiusi. Dopo Marsiglia, il boom di contagi ha raggiunto anche la Ville Lumière tanto da far decidere per una decisione drastica ancora una volta.

Il Ministro della Salute, come riporta anche Repubblica, si esprime nettamente:

“La situazione è molto preoccupante”

Queste le sue parole durante una conferenza stampa dall‘ospedale parigino di Bichat, in prima linea per accogliere tutti i pazienti colpiti dalla pandemia da Covid 19.

Un colpo che porterebbe ancora crisi alle attività – come bar e ristoranti – che sono già state messe a dura prova durante il primo lockdown. Una seconda sessione di chiusura potrebbe significare la chiusura e il fallimento. In queste ore le associazioni di categoria stanno cercando di trovare delle soluzioni, rafforzando i protocolli sanitari e inserendo un modello simile all’Italia così da ridurre gli assembramenti ma permettere le aperture di queste attività.

I numeri del contagio in Francia

Nonostante alcune misure che sono state prese durante la scorsa settimana, come la chiusura delle palestre e la fine della attività alle ore 22 – sembra che il bollettino parli chiaro. I tassi di di incidenza sono 263 positivi ogni 10mila abitanti con un 35% che resta in terapia intensiva.

Se entro domenica la curva del contagio non andrà a ribasso, allora si applicheranno le regole già attive a Marsiglia e Axi en Provence che sono state bollate di rosso per allerta massima con conseguenti chiusure e ripercussioni sulle attività economiche.