Home Spettacolo Pago, disastro in diretta: cade la maschera, la reazione inattesa

Pago, disastro in diretta: cade la maschera, la reazione inattesa

CONDIVIDI

A Tale e Quale Show, Pago non è stato molto apprezzato da Panariello che gli ha detto: “Potevi fare di meglio”: la reazione inaspettata.

A Tale e Quale Show, molto spesso, le imitazioni sono davvero da 10 e lode, altre, invece, aspramente criticate dai giudici presenti in studio.

Pago toglie la maschera

In questa casistica ci è caduto, con tutte le scarpe, Pago. Il cantante sardo, infatti, ha interpretato Franco Califano ma non ha convinto la commissione giudicante.

Giorgio Panariello, infatti, gli ha detto che avrebbe potuto fare molto di più. Lui si è diretto in camerino e si è tolto la maschera.

Pago, Giorgio Panariello lo critica: “Potevi fare di più”

Pago ha imitato Franco Califano a Tale e Quale Show. Anche se ci ha messo tutta la passione e l’impegno possibili per replicare le movenze e la voce del grande artista, la serata non gli è stata favorevole.

I giudizi, infatti, sono stati molto negativi, soprattutto da parte di Giorgio Panariello.

Il comico toscano, infatti, non ha avuto peli sulla lingua e ha detto a Pago ciò che pensava della sua performance.

“Ho trovato la voce troppo poco roca, scura. Avresti potuto farlo molto meglio”.

E in merito alle sue abilità vocali circa l’imitazione ha detto: “voce poco vissuta e sofferta che ti penalizza”. 

Pago va n camerino e si toglie la maschera

Il cantante sardo, però, nonostante le critiche, non se l’è presa più di tanto e, dopo l’esibizione, si è diretto in camerino.

Nella stanza, dunque, ha iniziato a rimuovere la maschera di trucco, sapientemente realizzata dai make-up artist esperti del programma che trasformano incredibilmente i volti dei partecipanti nelle star che devono imitare a Tale e Quale Show.

Prima di farlo a imitato, per l’ultima volta il Califfo, scherzandoci su e taggando – nel video che ha realizzato dal camerino – anche l’account ufficiale della trasmissione condotta da Carlo Conti.