Home Cronaca Padova, filma il rapporto sessuale con il prete e lo ricatta: arrestato

Padova, filma il rapporto sessuale con il prete e lo ricatta: arrestato

CONDIVIDI

Al religioso erano stati chiesti 40mila euro da parte dell’uomo con cui il prete pare avesse intrapreso una relazione e che aveva filmato il rapporto sessuale.

prete ricattato rapporti sessuali

Il parroco ha così deciso di rivolgersi alle forze dell’ordine, per denunciare l’accaduto.

Il tentativo di estorsione

Ha ripreso con il suo cellulare i rapporti sessuali avuti con il prete, poi ha cercato di estorcere al religioso la somma di 40mila euro per non pubblicare il video.

È con questa accusa che sono stati arrestati dai Carabinieri di Camposampiero due fratelli di origine marocchina. Il prete, come riferisce anche Fanpage, da tempo avrebbe intrapreso una relazione con uno dei due fratelli. Era stato proprio quest’ultimo a riprendere un loro incontro avvenuto nella canonica della Chiesa.

Il giovane avrebbe chiesto al prete prima 40mila, poi 4mila euro, in cambio del suo silenzio. Il religioso, d’accordo con i militari dell’Arma, ha quindi accettato ed ha consegnato i soldi ai due fratelli.

L’arresto

I carabinieri sono intervenuti proprio nel momento della consegna del denaro, ed hanno arrestato i due fratelli. Questa mattina si è svolto l’interrogatorio di garanzia davanti al gip di Venezia.

Il più giovane dei due, un ragazzo di 26 anni, sarebbe il “compagno” del prete. Il fratello maggiore, di 33 anni, lo avrebbe soltanto accompagnato a riscuotere il denaro, ma non sarebbe coinvolto direttamente nella vicenda.

“La relazione con il sacerdote va avanti da almeno quattro anni e io mi sono stancato, e ho deciso di vendicarmi. Lui mi dava soldi, da mangiare e mi prestava la bici. Tutti in paese sapevano del nostro rapporto”

avrebbe raccontato il 26enne. A suo carico, c’era già una denuncia per maltrattamenti in famiglia.

Il sacerdote avrebbe invece negato la relazione, raccontando di essere caduto in una trappola tesagli dal presunto amante, che lo avrebbe costretto ad un rapporto fugace in canonica.