Home Salute & Benessere Padelle antiaderenti e malattie cardiache: cosa stanno scoprendo

Padelle antiaderenti e malattie cardiache: cosa stanno scoprendo

CONDIVIDI

Padelle antiaderenti e malattie cardiache: usarle fa male? Attenzione, potrebbero nuocere alla salute del vostro organismo non solo al vostro cuore.

padella antiaderente – iStock

Utilizzare le padelle antiaderenti può comportare la comparsa di serie malattie cardiache e non solo: scopri perché potrebbe nuocere al vostro organismo utilizzarle in cucina.

PFAS: cosa sono e perché fanno male

Molti studi scientifici hanno constatato la positiva correlazione tra l’uso di pentole antiaderenti in cucina e alcune patologie tra cui quelle cardiovascolari.

A dimostrazione di ciò la Danimarca nel 2019 ha detto stop all’uso di PFAS nelle pentole antiaderenti bandendole dal commercio nazionale.

I PFAS (perfluoroalchiliche) sono delle sostanze chimiche sintetiche utilizzate nell’industria per produrre insetticidi, vernici, rivestimenti e altro.

Negli anni ’50 si è scoperto che hanno proprietà emulsionanti e tensoattive rendendo i materiali resistenti all’acqua e ai grassi. Per questo sono state impiegate nella produzione delle pentole antiaderenti.

I PFAS si suddividono in due gruppi:

  • l’acido perfluoroottanoico (PFOA)
  • l’acido perfluoroottansulfonico (PFOS)

Come possono intossicarci? Attraverso l’aria e l’acqua ad esempio.

Si può chiaramente leggere sul sito del Ministero della Salute che i PFAS sono ritenuti responsabili di svariate problematiche legate alla salute come:

  • compromissione della crescita
  • riduzione della fertilità femminile
  • malfunzionamenti della tiroide
  • colite
  • problemi cardiovascolari
  • potenzialmente cancerogeni

Le concentrazioni massime tollerabili di PFOA e PFOS nell’acqua potabile sono state fissate a livello internazionale dall’OMS a 0,2-0,4 μg/L per esposizioni di periodo limitato.

Pentole antiaderenti e malattie cardiache

I PFAS sono stati riscontrati anche in molte padelle antiaderenti che tutti usiamo quotidianamente oltre che nelle vernici, in certi farmaci e negli insetticidi.

Tali sostanze tossiche influenzano la normale funzionalità delle piastrine nel sangue rendendole incapaci di coagulare come dovrebbero: con il passare del tempo potrebbero perciò insorgere delle malattie cardiache.

È evidente la potenziale pericolosità dei tegami antiaderenti a causa della presenza, anche se minima o anche assente in certe marche, di PFOA. L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha classificato il PFOA come 2B (possibilmente cancerogeno per l’uomo).

Attenzione a quali padelle comprate!

LettoQuotidiano.it è stato selezionato nella nuova app di Google News. Per rimanere sempre aggiornato clicca qui e poi sulla stellina “Segui”