Home Spettacolo Polemica migranti, Matteo Salvini e Claudio Baglioni fanno pace con una telefonata

Polemica migranti, Matteo Salvini e Claudio Baglioni fanno pace con una telefonata

CONDIVIDI

Pace fatta tra Claudio Baglioni e Matteo Salvini, a seguito della polemica legata ai migranti. Vediamo come è andata.

Polemica migranti, Matteo Salvini e Claudio Baglioni fanno pace con una telefonata
Claudio Baglioni – Matteo Salvini

A seguito della lunga polemica innescata da Claudio Baglioni sulla questione migranti, sembrerebbe proprio che sia stato messo un punto con una telefonata tra il cantautore e il vice premier Matteo Salvini.

Polemica migranti: Claudio Baglioni e Matteo Salvini

Sono passati alcuni giorni dalla polemica sui migranti nata a seguito di una frase detta dal Direttore Artistico di Sanremo 2019 e con una risposta secca da parte di Matteo Salvini.

A seguito di una domanda posta da una giornalista, il cantautore non aveva dato una risposta diplomatica bensì il suo pensiero diretto accusando il Governo attuale di poca umanità nei confronti dei migranti.

Il Ministro dell’Interno Salvini non ha lasciato perdere e, non gradendo tale affermazione, ha twittato invitando Baglioni nel continuare a cantare senza occuparsi di sicurezza e immigrazione. A tal proposito c’è stato anche un intervento di Al Bano che si è scontrato con Baglioni, mettendosi dalla parte del Ministro dell’Interno.

La telefonata di chiarimento

Da quanto riportato dalle “fonti del Viminale” e Agenzia Ansa, i due protagonisti della storia si sarebbero telefonati per chiarire la questione con toni pacifici e molto cordiali. La promessa – prima di lasciarsi – è stata nel dimenticare l’incidente e tornare ognuno alle proprie faccende.

Tutto risolto proprio poco prima che si dia inizio al Festival di Sanremo 2019, lasciando quindi spazio alla musica e alle canzoni. Testi che non lasciano molto all’immaginazione e faranno sicuramente discutere, incentrati sul discorso “porti chiusi” e questione migranti. 

Non saranno da meno i Negrita che faranno riferimento diretto e poco diplomatico al “comandante”, ovvero Matteo Salvini.