Home Cronaca Oristano, scontro tra moto e auto: muore poliziotto 36enne

Oristano, scontro tra moto e auto: muore poliziotto 36enne

CONDIVIDI

Tragico incidente sulla statale 338 di Oristano, a perdere la vita un poliziotto 36enne in sella alla sua moto. Il cordoglio di colleghi e amici.

Poliziotto morto in incidente ad Oristano
Polizia- immagine Pixabay

La comunità di Simaxis commossa dalla perdita del poliziotto di 36 anni morto in un tremendo incidente ad Oristano. La ricostruzione dell’accaduto ed i messaggi di cordoglio.

Poliziotto muore in un terribile incidente sulla superstrada

E’ morto ieri Marco Caria un poliziotto di 36 anni originario di Simaxis e la tragedia ha scioccato tutti.

Secondo le prime ricostruzioni l’uomo si trovava in sella alla sua motocicletta, una Yamaha 600 e stava percorrendo la statale 338.

La strada statale che collega Oristano all’entroterra è considerata da tempo un nodo pericoloso ma nessuno avrebbe voluto apprendere la notizia di una simile tragedia.

Verso le 18.30 il poliziotto ha imboccato l’incrocio per Fenosu come riporta l’Unione Sarda ma appena superato il passaggio a livello un’auto avrebbe tagliato la strada al motociclista.

Come riferito dai Carabinieri della Compagnia di Oristano, la Fiat Stilo avrebbe colpito la ruota anteriore della moto: a quel punto motocicletta e centauro sarebbero carambolati per diversi metri.

Dopo un terribile volo Caria avrebbe violentemente impattato con l’asfalto perdendo il casco.

Come riporta Viaggi News il guidatore dell’auto avrebbe cercato di prestare soccorso al motociclista ed allertato i soccorsi ma per il povero Marco non c’è stato nulla da fare: era morto sul colpo.

Lutto ad Oristano: i messaggi per Marco Caria

Mentre Carabinieri e Vigili del Fuoco si sono dedicati ai rilevamenti per chiarire la dinamica dell’incidente, sui social si sono moltilicati i messaggi di cordoglio per la scomparsa del poliziotto.

“Ciao Marco resterai sempre con noi”

Hanno commentato familiari, amici e conoscenti.

Intanto la salma  è ancora trattenuta dagli inquirenti per tutte le analisi necessarie a terminare l’indagine: solo allora si potrà dare l’ultimo saluto al povero poliziotto 36enne.