Home News Oms, dichiarazione di Pandemia: in attesa dei nuovi dati su Africa e...

Oms, dichiarazione di Pandemia: in attesa dei nuovi dati su Africa e Sud America

CONDIVIDI

La Oms sta attendendo dei nuovi dati ma è in procinto di dichiarare la pademia in merito al coronavirus che sta mettendo in ginocchio tutto il mondo.

Oms, dichiarazione di Pandemia: in attesa dei nuovi dati su Africa e Sud America
Coronavirus – Foto repertorio

Pandemia? La Oms sta attendendo dei dati prima di fare la sua dichiarazione in merito. Ecco tutti gli aggiornamenti.

Allarme coronavirus: pandemia?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità si avvia verso la decisione di dichiarazione di pandemia. Come si evince da vari media – tra cui il TgCom24 – i contagi nel mondo sono ora oltre centomila ma si è in attesa dei dati che arrivano da Africa e America del Sud per verificare se ci siano o meno casi di contagio e positività al test.

Se il coronavirus raggiungesse anche questi due Paesi allora verrebbe dichiarata la pandemia.

L’attenzione è verso tutti quei Paesi che possiedono un sistema sanitario molto debole o particolare: in quel caso l’Organizzazione sottolinea che potrebbe esserci una strage di persone. Quello che fa ben sperare sono i dati che arrivano dalla Cina con oltre 55mila guarigioni.

Nonostante questo dall’altra parte c’è una grande preoccupazione visti i casi nel mondo che sono arrivati ad un numero molto alto anche dove il sistema sanitario è “fragile”.

Il vaccino contro il coronavirus

L’Organizzazione è pronta ad alzare il livello di allerta nel momento in cui anche Africa e America del Sud venissero investite da questo virus:

“L’OBIETTIVO PRIORITARIO RESTA ANCORA IL CONTENIMENTO DELL’EPIDEMIA. GUADAGNIAMO TEMPO PER TROVARE VACCINI E TERAPIE”

Mentre il resto del Mondo è necessario che curi i pazienti con gli strumenti a disposizione, al fine che nel mentre si possa trovare una soluzione valida anche perché questo allarme potrebbe andare avanti ancora a lungo:

“NON C’è AL MOMENTO ALCUN SEGNALE CHE CI DICA CHE IN ESTATE IL CORONAVIRUS SPARIRà COME UNA NORMALE INFLUENZA”