Home Casi Omicidio-suicidio a Portici: l’ombra del Covid sul dramma familiare

Omicidio-suicidio a Portici: l’ombra del Covid sul dramma familiare

CONDIVIDI

Continuano senza sosta le indagini sull’omicidio-suicidio avvenuto a Portici, Napoli, lo scorso lunedì sera. Un uomo ha ucciso la moglie, prima di lanciarsi dal balcone.

omicidio suicidio portici

Gli inquirenti stanno ascoltando i vicini di casa e le persone vicine alla coppia. Intanto, la salma di Maria Adalgisa Nicolai è rientrata a Potenza, dove questo pomeriggio saranno celebrati i funerali.

La dinamica dell’omicidio suicidio di Portici

Ha ucciso la moglie a coltellate, dopo averla tramortita con un oggetto pesante, forse un martello, prima di togliersi la vita, lanciandosi nel vuoto.

È il drammatico omicidio-suicidio avvenuto la sera di lunedì in un’abitazione di via Libertà a Portici.

L’omicida, Giovanni Fabbrocino, 65 anni, è morto sul colpo.

La moglie, Maria Adalgisa Nicolai, 58 anni, è stata colpita più volte da un fendente, un coltello da cucina trovato accanto al suo corpo.

L’ombra del covid sulla coppia

Proseguono senza sosta le indagini per accertare il movente del drammatico omicidio-suicidio avvenuto a Portici. Pare che Fabbrocino, proprietario di alcuni appartamenti, fosse ossessionato dal covid.

Anche dopo la fine dell’emergenza era rimasto chiuso in casa, per timore del contagio. Una paura alimentata dal lavoro della moglie, ricercatrice universitaria alla facoltà di Agraria di Portici: pare infatti che l’uomo temesse un contagio da parte della donna e la accusasse di portare il virus in casa.

Fabbrocino si è accanito sul corpo della compagna, prima di farla finita. L’ha prima tramortita con un martello, poi l’ha colpita diverse volte con un fendente, un coltello da cucina trovato accanto al suo cadavere.

La ricercatrice stava programmando una vacanza da sola a Potenza, sua città d’origine, ma, stando al racconto dei vicini di casa, il 65enne non era d’accordo con la partenza della compagna.

Questa mattina alle 11, a San Severo Lucano, in provincia di Potenza, si terranno i funerali della ricercatrice universitaria uccisa dal marito.