Home Casi Omicidio-suicidio a Portici, le ha estratto gli organi e si è gettato:...

Omicidio-suicidio a Portici, le ha estratto gli organi e si è gettato: emergono particolari e movente

CONDIVIDI

Spunta un movente per l’omicidio-suicidio avvenuto a Portici, ecco perché un 65enne ha estratto gli organi alla compagna appena uccisa prima di suicidarsi.

omocidio-suicidio a Portici
scena del crimine-immagine pixabay

Il terribile omicidio-suicidio di Portici ha scioccato tutti per la ferocia con cui un 65enne si è accanito sulla compagna uccidendola e poi gettandosi dalla finestra. Il movente potrebbe essere stato trovato. Gli aggiornamenti

Il terribile omicidio-suicidio di Portici

Un efferato delitto ha coinvolto la cittadina di Portici in provincia di Napoli nelle scorse ore.

Un 65enne italiano, Giovanni Fabbrocino ha infatti ucciso a coltellate la compagna Maria Adalgisa Nicolai che di anni ne aveva 59.

L’uomo dopo l’assassinio ha compiuto un ulteriore gesto agghiacciante: ha squarciato il torace della compagna e le ha estratto alcuni organi.

In seguito il 65enne si è gettato dalla finestra restando ucciso sul colpo all”atterraggio sulla strada.

Spunta un movente: era ossessionato dal Covid

All’arrivo dei soccorsi chiamati dai vicini, la scena era terribile: la compagna di Fabbrocino era riversa in un lago di sangue e per lei non c’era più nulla da fare.

In un primo momento si è pensato che il movente fosse stato la gelosia per il ritorno della 59enne a casa.

La donna era una ricercatrice di Scienze e Tecnologie Alimentari all’Università Federico II di Napoli ma era originaria di San Severino in provincia di Potenza.

Secondo quanto emerge i vicini avrebbero sentito una lite accesa ma di norma i due conviventi pare andassero d’accordo.

Giovanni Fabbrocino da quanto riporta Leggo risulta incensurato e al momento disoccupato: con la Nicolai conviveva in maniera non fissa ma comunque continuativa proprio a Portici.

Come emerge il movente reale potrebbe essere diverso rispetto a quello ipotizzato inizialmente: l’uomo da qualche tempo pare fosse ossessionato dalla paura del Covid-19.

Le testimonianze rivelano infatti che l’uomo avrebbe più volte accusato la compagna: per lui la Nicolai sottovalutava la pericolosità del coronavirus.