Home Cronaca Omicidio Spinetoli, ex carabiniere ucciso a colpi di pistola: s’indaga nel privato...

Omicidio Spinetoli, ex carabiniere ucciso a colpi di pistola: s’indaga nel privato di Antonio Cianfrone

CONDIVIDI

Procedono a ritmo serrato le indagini degli uomini dell’Arma per identificare l’autore dell’omicidio di Spinetoli, durante il quale è rimasto ucciso un ex carabiniere.

omicidio spinetoli

Antonio Cianfrone è stato colpito da almeno tre spari. Gli inquirenti sembrano avere pochi dubbi in merito: quello di Spinetoli è un omicidio premeditato.

L’omicidio di Antonio Cianfrone

Tre colpi di pistola: è così che è morto Antonio Cianfrone, ex carabiniere 51enne. La vittima era originaria di Chieti. L’omicidio è avvenuto lungo la pista ciclopedonale di Spinetoli, ad Ascoli Piceno.

Come riferisce anche Il Resto del Carlino, Cianfrone era stato allontanato dall’Arma dopo essere rimasto coinvolto in un un’indagine per concussione.

Stando al racconto di alcuni testimoni, che si trovavano sulla pista al momento dell’omicidio, a colpire a morte Cianfrone sarebbe stato un uomo con il volto coperto da un casco integrale, che poi è fuggito su una moto, dove lo attendeva un altro complice.

L’omicidio di Spinetoli è avvenuto lungo una pista ciclabile nella frazione di San Pio.

S’indaga nel privato di Antonio Cianfrone

Proseguono a tutto campo le indagini degli uomini dell’Arma sulla morte di Antonio Cianfrone. Si attendono ora i risultati dell’autopsia per capire quanti colpi siano andati a segno.

Gli inquirenti non sembrano avere dubbi sulla natura dell’omicidio di Spinetoli: si tratta di un delitto premeditato. S’indaga quindi nella vita privata e lavorativa dell’ex carabiniere. Da tempo separato, sembra che Cianfrone frequentasse stabilmente un’altra donna.

La vittima non sarebbe morta sul colpo, ma diversi minuti dopo l’agguato. Antonio Cianfrone era ancora vivo all’arrivo dei soccorsi, che però si sono rivelati inutili. A prestargli i primi aiuti una ragazza, che si trovava sul luogo del delitto.

L’arma che ha esploso i colpi di pistola mortali dovrebbe essere una pistola di piccolo calibro. L’assassino ha puntato alla testa e al torace, anche se si attenderanno gli esiti dell’esame autoptico per accertare le modalità dell’omicidio.