Home Cronaca Omicidio Nepa, scattano le manette per 4 uomini

Omicidio Nepa, scattano le manette per 4 uomini

CONDIVIDI

A Terrasini sono state arrestate quattro persone per l’omicidio di Mike Nepa, ritrovato cadavere nella sua casa nel mese di settembre.

omicidio nepa

Mercurio detto Mike Nepa è stato probabilmente ucciso per sbaglio per mano di quattro giovani nel corso di una rapina finita male.

La svolta delle indagini

Mercurio Nepa fu trovato morto nella sua abitazione lo scorso settembre. L’ex imprenditore viveva a Terrasini ed era conosciuto in paese per la sua vita trascorsa per lo più, negli States, nel Michigan. L’uomo 84 enne era tornato a vivere nella sua Sicilia, nella sua casa, in via Venezia. L’ex imprenditore era piuttosto noto in paese. Aveva vissuto a Detroit e, grazie al suo lavoro di commerciante di pelli, aveva accumulato parecchio denaro.

Una rapina finita male

Risale ad oggi l’arresto di quattro giovani uomini, accusati di aver ucciso Mercurio Nepa detto Mike. Era il 9 settembre 2019 quando i quattro uomini, di età compresa tra i 27 ed i 35 anni, entrarono nella casa dell’uomo e l’uccisero. La casa fu trovata con le porte spalancate e completamente sottosopra. Il cadavere dell’uomo riverso sul letto e con dei segni evidenti di legature sul corpo. Era evidente che, chi fosse entrato in casa, lo aveva fatto alla ricerca di preziosi e denaro contante.

Infatti, gli inquirenti seguirono proprio la pista della rapina finita male. Le indagini sono perdurate fino ad oggi con la presa al vaglio di intercettazioni telefoniche, analisi di campioni biologici e altri esami.

Come si legge su Today, i Carabinieri hanno dichiarato che:

“I presunti autori dell’omicidio, tutti con precedenti si sarebbero introdotti nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2019 nell’abitazione di Nepa al fine di impossessarsi di contanti e preziosi che l’anziano era solito nascondere in casa, avrebbero legato mani e piedi a scopo di rapina l’anziana vittima, già affetta da patologie pregresse, e ne avrebbero così provocato la morte per la violenza dell’azione”