Home Casi Omicidio Melania Rea, a chi appartengono le impronte e i brillantini: i...

Omicidio Melania Rea, a chi appartengono le impronte e i brillantini: i nodi dell’inchiesta ancora da sciogliere

CONDIVIDI

Tantissimi ancora i dubbi sull’omicidio di Melania Rea affrontati a Quarto Grado. Di chi sono i brillantini e le impronte sul luogo del delitto?

Omicidio Melania Rea, a chi appartengono le impronte e i brillantini: i nodi dell'inchiesta ancora da sciogliere

L’omicidio di Melania Rea presenta ancora punti da comprendere e mentre Parolisi potrebbe uscire di prigione, Quarto Grado si interroga su alcune cose.

Salvatore Parolisi fuori dal carcere?

Il caso della giovane donna uccisa è tornato a Quarto Grado, che si è interrogato su alcuni aspetti ancora da comprendere. Non solo, perché Salvatore Parolisi potrebbe preso uscire dal carcere in regime di semilibertà usufruendo dei permessi premio maturati in questi anni di reclusione.

Secondo quanto emerso Parolisi lavora e prega durante le sue giornate, continuando a professarsi innocente per il delitto della moglie. Quarto Grado ha messo anche in risalto i punti ancora misteriosi sulla terribile vicenda che sembrano non avere una paternità.

I punti misteriosi del caso di Melania Rea

Salvatore Parolisi è stato condannato per omicidio e deve scontare 20 anni presso il Carcere di Bollate. Nonostante questo ci sono alcuni dettagli che sono emersi durante l’inchiesta e che non sono ancora stati risolti – come riporta anche UrbanPost.

Come prima cosa resta sempre da capire chi abbia fatto la chiamata anonima, dalla cabina pubblica il 20 aprile 2011 alle ore 16.30: nessuno lasciò il nome e non si comprende il motivo.

Non solo, perché qualcuno ha acceso il cellulare della povera Melania dopo 48 ore di silenzio. Non può essere stato Parolisi secondo le indagini, perché l’uomo a quell’ora si trovava a casa davanti al suo pc.

Non meno sospetti sono i brillantini che sono stati trovati vicino al corpo e sotto una scarpa – tipicamente femminili e non appartenenti agli abiti che indossava in quel momento la vittima. Così come l’impronta di uno scarpocino con sangue fresco della vittima, non riconducibile a Parolisi e tanto meno alla vittima. Punti che verranno risolti in futuro? Quarto Grado tornerà sul caso nelle prossime puntate.