Home Casi Omicidio Marco Vannini, centinaia di firme per riesaminare il caso. La mamma:...

Omicidio Marco Vannini, centinaia di firme per riesaminare il caso. La mamma: “L’hanno ucciso due volte”

CONDIVIDI

La petizione per l’omicidio di Marco Vannini sta ricevendo centinaia di firme ogni minuto, al fine di poter riesaminare il caso

Omicidio Marco Vannini, centinaia di firme per riesaminare il caso. La mamma: "L'hanno ucciso due volte"
Marco Vannini con la mamma

L’omicidio di Marco Vannini è ancora oggi avvolto nel mistero e l’ultima sentenza, con la riduzione della pena a Antonio Ciontoli ha smosso l’opinione pubblica.

La raccolta firme per Vannini

E’ stata aperta una petizione che si trova sul sito Change.org per una raccolta firme volta al riesame del caso di Marco Vannini, il ragazzo che è stato colpito con un colpo di pistola e lasciato morire all’interno di una vasca da bagno.

La petizione è indirizzata alla Repubblica di Civitavecchia, all’attenzione del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede – lo stesso che ha postato un video su Facebook dove si dichiara indignato per la lettura della sentenza nei confronti di Ciontoli.

Lo stesso ha dichiarato di aver attivato tutti gli uffici, al fine che venissero fatti tutti gli accertamenti del caso. Una lettura della sentenza che è stata interrotta dai familiari della vittima, indisposti da quello che stava per emergere con una riduzione della pena a 5 anni alla persona che ha commesso questo brutale omicidio.

Sulla questione si è anche fatta avanti il Ministro della Difesa – Elisabetta Trenta – che si impegna a non far reintegrare Ciontoli all’interno delle Forze Armate.

Il dolore della madre di Vannini

Un dolore che continua ad alimentarsi, dalla notte del 18 maggio 2015 quando Marco Vannini muore a casa dei Ciontoli dopo che gli è stato sparato un colpo di pistola – a loro detta – accidentale. Nonostante questo i soccorsi non sono mai stati chiamati e il giovane ragazzo è stato lasciato agonizzante, sino a quando non c’è stato più nulla da fare. 

Per la mamma, la lettura di questa sentenza è stato un doppio omicidio nei confronti del suo Marco, chiedendo solamente verità e giustizia.