Home Casi Omicidio di Lecce, Papa Francesco telefona alla madre di Eleonora Manta: “Prego...

Omicidio di Lecce, Papa Francesco telefona alla madre di Eleonora Manta: “Prego per lei e Daniele”

CONDIVIDI

A raccontarlo è stata la stessa Rossana Carpentieri, che lo scorso 21 settembre ha perso la figlia ed il fidanzato della ragazza, Daniele De Santis.

Papa telefona madre Eleonora Manta

Ad uccidere la giovane coppia di innamorati era stato Andrea De Marco, ex coinquilino dell’arbitro De Santis.

L’omicidio di Eleonora e Daniele

Era il 21 settembre scorso quando nella loro abitazione in via Montello, a Lecce, Eleonora Manta e Daniele De Santis vennero barbaramente uccisi a coltellate.

A macchiarsi di quel duplice delitto fu Andrea De Marco, studente universitario di Scienze Infermieristiche ed ex coinquilino dell’arbitro.

Proprio la sera del delitto Eleonora e Daniele avevano iniziato ufficialmente la loro convivenza. De Marco, che aveva ancora le chiavi di casa, li sorprese e li uccise con decine di coltellate.

Quando arrivarono i soccorsi per la giovane coppia non c’era ormai più nulla da fare.

Qualche giorno venne fermato Andrea De Marco. Il giovane aveva covato nel tempo un profondo desiderio di vendetta nei confronti di quella coppia che gli sembrava tanto felice e realizzata, a differenza di come lui percepiva se stesso.

Nei giorni seguenti al fermo del 21enne, venne ritrovato un diario segreto, scritto proprio dal killer, in cui emergeva in maniera evidente la sua infelicità.

La chiamata del Pontefice alla mamma di Eleonora Manta

Una piacevole sorpresa quella ricevuta da Rossana Carpentieri, la mamma di Eleonora Manta.

Qualche giorno fa Papa Francesco le ha telefonato per dimostrarle tutta la sua vicinanza.

Come riferisce anche Leggo, il Pontefice e la donna hanno parlato per circa 7 minuti.

“Sua Santità è stato molto sereno, ha detto che mi è vicino. Ha ripetuto più volte: quanto è brutto quello che è successo. Mi ha ringraziato per la lettera, mi ha detto che da oggi in poi Eleonora e Daniele saranno nelle sue preghiere”

ha raccontata Rossana, che nei mesi scorsi aveva scritto al Papa e al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per chiedere loro un po’ di conforto.

Intanto per il prossimo 18 marzo è attesa la prima udienza del processo a carico di Antonio De Marco. Il giudice per le indagini preliminari ha rigettato la richiesta di rito abbreviato.