Home Casi Omicidio Ilenia Fabbri, l’ex marito l’aveva minacciata: “Mando qualcuno a farle la...

Omicidio Ilenia Fabbri, l’ex marito l’aveva minacciata: “Mando qualcuno a farle la festa”

CONDIVIDI

A riferire le parole un testimone, che è stato già ascoltato in commissariato. L’uomo è indagato per omicidio volontario pluriaggravato in concorso con persona ignota.

omicidio Faenza minacce Nanni

Intanto nell’appartamento di Ilenia sono state isolate delle tracce di sangue che potrebbero appartenere proprio all’assassino.

L’omicidio di Ilenia Fabbri

È ancora giallo sulla morte di Ilenia Fabbri, la donna di 46 anni trovata senza vita lo scorso sabato mattina, nel suo appartamento in via Corbara a Faenza.

La vittima era in casa con un’amica della figlia, quando è stata colpita da diverse coltellate, che non le hanno lasciato scampo.

A lanciare l’allarme è stata proprio la ragazza che era in casa con lei e che ha riferito di aver sentito del trambusto. Pensando ad un ladro, ha allertato la figlia di Ilenia, che era appena uscita di casa.

L’ex marito di Ilenia e la figlia avevano appuntamento a Milano per acquistare un’auto alla ragazza.

Arianna ha quindi allertato i Carabinieri, che sono giunti sul posto in pochi minuti.

Per Ilenia non c’è stato nulla da fare. La donna era già morta all’arrivo dei militari dell’Arma.

Le ipotesi sul killer

Il killer di Ilenia ha agito in soli 7 minuti: è quello il tempo trascorso tra l’uscita di casa di Arianna e la telefonata dell’amica.

Un tempo piuttosto ridotto, ma comunque sufficiente per commettere un omicidio.

Venerdì mattina, nell’appartamento di via Corbara, sono state isolate delle tracce di sangue, che potrebbero appartenere al killer di Ilenia.

Come riferisce anche La Repubblica, le tracce ematiche sono state scovate grazie al luminol.

L’amica della figlia di Ilenia, che lo avrebbe intravisto di spalle, ha descritto l’omicida come:

“Un uomo molto alto e robusto, vestito di nero”.

Ilenia avrebbe provato a difendersi dalla furia dell’uomo già al piano superiore, ma la donna è stata trovata senza vita al piano di sotto.

Durante la colluttazione, il sicario potrebbe essersi ferito ed aver perso del sangue.

Secondo gli inquirenti, l’arma che ha ucciso la 46enne di Faenza potrebbe essere un coltello in ceramica con lama piatta, che è stato già sequestrato.

Sembra che una telecamera privata non distante dall’abitazione in cui è avvenuto il delitto abbia registrato il passaggio di una persona vestita di scuro, proprio sabato mattina all’alba.

Le immagini verranno analizzate nelle prossime ore.

Indagato l’ex marito di Ilenia

Lo scorso 11 febbraio è arrivata la svolta nel giallo di Faenza. L’ex marito di Ilenia Fabbri, Claudio Nanni, è stato ufficialmente indagato per omicidio volontario pluriaggravato in concorso con persona ignota.

In quella stessa giornata sono state perquisite l’auto e l’abitazione di Claudio Nanni.

Da tempo Ilenia aveva un nuovo compagno, con il quale pare fosse molto felice, tanto da progettare il matrimonio.

Con l’ex marito la separazione non era stata facile. Ilenia lo aveva anche denunciato per maltrattamenti, ma il caso era stato archiviato perché pare non fossero emersi elementi utili a ché l’indagine proseguisse.

Le minacce di Claudio Nanni

Nelle ultime ore è emersa la testimonianza di una persona vicina a Claudio Nanni, che ha raccontato di alcune minacce che l’uomo avrebbe fatto all’ex moglie.

Dopo gli incontri con l’avvocato civilista, l’ex marito si sarebbe lasciato andare a sfoghi di questo tipo contro la ex moglie:

“Se continua così, prima o poi le mando qualcuno farle le festa”.

A riferire queste minacce è stata una persona che si è presentata spontaneamente in commissariato dopo la morte di Ilenia Fabbri.

Stando a quanto riferiscono i giornali locali, lo sfogo di Nanni sarebbe arrivato a seguito di un contenzioso civilistico con l’ex moglie.

Contenzioso che si era concluso con l’assegnazione della casa di via Corbara alla donna.

Inoltre, Ilenia aveva in corso una causa di lavoro contro l’ex, per via di circa 100mila euro di mancati compensi, rispetto al suo lavoro nell’impresa di famiglia.