Home Casi Omicidio Ilenia Fabbri, Claudio Nanni dal carcere: “Non sono il mostro che...

Omicidio Ilenia Fabbri, Claudio Nanni dal carcere: “Non sono il mostro che avete dipinto”

Il comune di Faenza si è costituito parte civile nel processo per l’omicidio della 46enne.

omicidio Faenza arrestato Claudio Nanni

Claudio Nanni ha inviato una lettera alla trasmissione di Rete 4, Quarto Grado, intercettata e sequestrata dalla Procura di Faenza.

L’arresto di Claudio Nanni e Pierluigi Barbieri: le tappe della vicenda

È arrivata lo scorso marzo la svolta nel giallo di Faenza: Claudio Nanni e Pierluigi Barbieri sono stati arrestati con l’accusa di essere il mandante e l’esecutore materiale dell’omicidio di Ilenia Fabbri.

I due, amici di vecchia data, si sarebbero incontrati più volte prima del 6 febbraio scorso, quando la 46enne venne trovata senza vita nella sua abitazione.

Ad immortalare l’ultimo degli incontri tra l’ex marito di Ilenia ed il suo omicida era stata una telecamera di sorveglianza posta nei pressi dell’officina meccanica gestita da Nanni.

Come già anticipato, si tratterebbe solo di uno dei diversi incontri avvenuti tra i due nel mese di gennaio.

Barbieri e Nanni si erano incontrati anche diversi giorni prima, il 19 gennaio scorso per l’esattezza. In quell’occasione, il cellulare di Claudio Nanni era stato localizzato a Rubiera, provincia di Reggio Emilia, proprio nei pressi dell’abitazione del presunto killer di Ilenia.

Il giorno seguente sarebbe stato invece Barbieri a raggiungere il suo complice a Faenza. A confermarlo, le telecamere presenti in zona.

Infine, l’ultimo incontro sarebbe avvenuto il 29 gennaio scorso, quando il 51enne si sarebbe recato a Faenza proprio per incontrare Nanni.

La vettura di Barbieri sarebbe stata inquadrata dalle telecamere di sorveglianza proprio la mattina del delitto, nei pressi dell’abitazione di via Corbara.

“Nanni avido e paranoico”

Il giudice per le indagini preliminari, Corrado Schiaretti, ha descritto l’ex marito di Ilenia Fabbri come una persona il cui unico obiettivo era quello di annientare la vittima.

“Da anni combatteva contro di lei per annientarla personalmente ed economicamente. Era avido, paranoico e privo di scrupoli”

si legge nell’ordinanza con cui è stata disposta la custodia cautelare in carcere.

Tra Ilenia e Claudio era in corso una causa da ben 100mila euro, voluta proprio dalla vittima.

La donna si era infatti rivolta ad un avvocato perché le venissero riconosciuti gli stipendi maturati negli anni di lavoro nell’officina del marito.

Era stata quindi intentata una causa. Sarebbe questo il movente dietro l’omicidio di Ilenia Fabbri.

Leggi anche –> Omicidio di Faenza, la confessione choc di Barbieri: “Ho tentato di ucciderla altre due volte”

Le copie delle chiavi del garage

Qualche mese fa, Nanni avrebbe fatto fare due copie delle chiavi del garage di casa della sua ex moglie.

A confermarlo, il titolare di una ferramenta.

Proprio con una di quelle chiavi, la mattina del 6 febbraio scorso,  Barbieri si sarebbe introdotto nell’appartamento di via Corbara per uccidere la 46enne.

Ilenia ha tentato con tutte le sue forze di difendersi quando il killer ha tentato prima di strangolarla, poi l’ha uccisa con una coltellata alla gola.

L’unica testimone di quei drammatici istanti, l’amica di Arianna, nei giorni seguenti al delitto era stata messa sotto protezione.

La ragazza, quella mattina del 6 febbraio, era rimasta a dormire a casa di Ilenia, mentre Arianna ed il padre partivano alla volta di Milano per acquistare un’auto.

Un alibi perfetto per Claudio Nanni, che però non è bastato a deviare le indagini.

Gli inquirenti, sin da subito, si sono concentrati sul 53enne, che, dal canto suo, si è sempre dichiarato innocente.

La testimonianza dell’amica di Arianna si è rivelata fondamentale per risalire all’identità del killer di Ilenia.

La testimone lo ha visto soltanto di spalle, mentre fuggiva dalle scale, ma questo è bastato ad aiutare gli inquirenti ad identificare l’esecutore del delitto.

È stata lei che quella mattina ha lanciato l’allarme, allertando l’amica, che, a sua volta, ha chiesto aiuto ai carabinieri.

Quando i militari dell’Arma sono giunti nell’appartamento di via Corbara, per Ilenia non c’era ormai più nulla da fare.

Leggi anche –> Omicidio Ilenia Fabbri, Pierluigi Barbieri confessa di aver ucciso la 46enne di Faenza

Il Comune si costituisce parte civile

Il Comune di Faenza ha deciso di costituirsi parte civile nel processo per l’omicidio della 46enne.

“L’intento del Comune è di non rimanere un mero osservatore ma di portare la propria voce, chiara e forte, dando conto di una riprovazione di questo tragico episodio che lede i principi e i valori dei quali il Comune si fa promotore. Il reato in sé non lede solo la sfera personale della vittima ma anche la dimensione pubblica e quindi vede come vittima anche la comunità rappresentata dal Comune”

ha spiegato il legale.

Le parole di Claudio Nanni

Accusato di essere il mandante dell’omicidio della sua ex moglie, Claudio Nanni prova a difendersi dal carcere di Ravenna dove è detenuto dallo scorso mese di marzo.

“Non sono il mostro che credete”

avrebbe scritto l’uomo in una lunga lettera inviata alla trasmissione di Rete 4, Quarto Grado, intercettata e sequestrata dalla Procura.

Nella missiva, l’ex marito di Ilenia Fabbri lamenta anche la mancata acquisizione delle cartelle cliniche di Pierluigi Barbieri, suo complice, accusato di essere l’esecutore materiale del delitto.

Leggi anche –> Omicidio Faenza, rubati oggetti dalla tomba di Ilenia Fabbri. Lo sfogo del compagno: “Fate schifo”