Home Cronaca Elena Serban, 32enne sgozzata in casa ad Aosta: arrestato il killer, aveva...

Elena Serban, 32enne sgozzata in casa ad Aosta: arrestato il killer, aveva precedenti per stupro

CONDIVIDI

La donna di 32 anni è stata trovata senza vita la scorsa domenica mattina nella sua abitazione in viale Partigiani.

arrestato killer Elena

L’uomo arrestato è accusato di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà.

L’omicidio di Elena Serban Raluca

Era la scorsa domenica mattina quando Elena Serban Raluca, 32enne originaria della Romania, era stata trovata senza vita in un appartamento al primo piano in viale Partigiani, ad Aosta.

Ad ucciderla un fendente mortale alla gola, probabilmente inferto da una coltellata.

A lanciare l’allarme quella mattina era stata la sorella, che non ricevendo risposta alle continue chiamate, aveva deciso di partire dalla Toscana alla volta di Aosta, per cercare la sorella.

Giunta sul posto, ha scoperto il cadavere di Elena ormai senza vita.

Svolta nelle indagini: arrestato il presunto killer

Questa mattina è arrivata la svolta nelle indagini per la morte di Elena Serban Raluca, con l’arresto del suo presunto killer.

Si tratta di Gabriel Falloni, 36 anni, originario di Sassari, da tempo residente ad Aosta.

Dopo il delitto, l’uomo aveva lasciato la città, cercando probabilmente di rientrare in Sardegna.

Il 36enne aveva già diversi precedenti per violenza sessuale. Nel 2014 Falloni, che sui social si fa chiamare Gabry Neno, era stato condannato dal Tribunale di Sassari a 4 anni di carcere per aver tentato di violentare una ragazza, che aveva attirato con una finta offerta di lavoro.

Come riferisce anche Leggo, due anni prima di quell’episodio era stato denunciato da 2 prostitute per averle picchiate e rapinate dopo un rapporto sessuale.

Anche in questo caso era stato condannato.

Leggi anche –> Ucciso in strada da due adolescenti: arrestato il mandante dell’omicidio di Cristian Sebastiano

Dopo il delitto, Gabriel Falloni aveva cambiato anche l’immagine del profilo su Facebook, togliendo la sua foto.

Non è ancora chiaro il movente del delitto, ma dalla modalità dell’uccisione sembra un’esecuzione, forse un “regolamento di conti”.

Gli inquirenti stanno indagando a 360 gradi, anche nel mondo della prostituzione.