Home Casi Omicidio di Lecce, emerge la nuova agghiacciante confessione di De Marco

Omicidio di Lecce, emerge la nuova agghiacciante confessione di De Marco

CONDIVIDI

I tasselli del terribile omicidio di Lecce continuano ad emergere numerosi e ora la nuova confessione di De Marco evidenzia altre situazioni.

Omicidio di Lecce, emerge la nuova agghiacciante confessione di De Marco

Ci sono nuove dichiarazioni da parte di De Marco in merito all’omicidio di Lecce dove sono morti violentemente i due fidanzati Eleonora Manta e Daniele De Santis.

Le nuove dichiarazioni di De Marco

Antonio De Marco si trova in prigione, in stato di isolamento e non ha la possibilità di consultare giornali e televisione. Negli scorsi giorni ha ricevuto la visita di familiari e avvocati, chiedendo loro dei vestiti puliti e un libro per pregare.

Il Quotidiano di Puglia ha evidenziato delle nuove dichiarazioni del ragazzo – reo confesso – che portano ad aggiungere dei tasselli agghiacciati a questa brutta situazione.

Secondo quando emerso il ragazzo aveva:

“Istinti omicidi anche durante i turni di tirocinio in ospedale tenuti nei corsi di scienze infermieristiche”

Una nuova confessione di De Marco che si aggiunge alle precedenti, portando alla luce nuovi elementi durante i colloqui che sono stati tenuti con il cappellano, psicologi e psichiatri in prigione. Sono incontri dediti a far emergere più dettagli possibili sull’omicidio dei due fidanzati e comprendere il movente che lo ha portato al massacro.

Ricordiamo che Eleonora e Daniele sono stati uccisi brutalmente con più di 70 coltellate e proprio lo studente ha confermato di essere stato lui a commettere questo terribile omicidio.

Le parole dell’avvocato della difesa

L’avvocato della difesa – come emerge da AdnKronos – ha dichiarato:

“io mi aspetto nella prossima settiamana nuovi spiragli, l’ho visto determinato a fare maggiore chiarezza”

Confermando che potrebbe ricordare man mano altro e quindi dare maggiori elementi tra cui anche il movente del delitto. Proprio perché durante la sua confessione sono stati troppi i “non ricordo” e i “forse” proprio in merito alla motivazione del suo gesto. Nelle prossime ore si potranno avere maggiori elementi.