Home Casi Omicidio Desirée Mariottini, arrestata amica: “E’ stata l’ultima a vederla viva”

Omicidio Desirée Mariottini, arrestata amica: “E’ stata l’ultima a vederla viva”

CONDIVIDI

Desirée Mariottini svolta nel suo omicidio, in arresto l’amica pusher che le ha venduto la droga prima della sua morte

Omicidio Desirée Mariottini, arrestata amica: "Le ha venduto la dose prima della morte"
Desirée Mariottini

Una storia tragica quella legata all’omicidio di Desirée Mariottini, prima stuprata e poi uccisa in uno stabile abbandonato di San Lorenzo.

La svolta nella vicenda

Desireé Mariottini è morta nella notte del 19 ottobre dopo aver assunto una dose di droga, per poi essere violentata e tragicamente uccisa. Una svolta nelle indagini ha fatto scattare le manette per Antonella Fauntleroy – ragazza di 21 anni – accusata di essere la pusher della vittima e di essere stata l’ultima a vederla prima della morte.

Secondo le testimonianze e le informazioni trapelate in queste ore, l’amica avrebbe venduto alla vittima sostanze stupefacenti in maniera continuativa pur essendo una minorenne.

Nella giornata di ieri, gli agenti della Polizia della Squadra Mobile – coordinati dal Gruppo Antiviolenza – hanno arrestato la ragazza di 21 anni portandola al carcere di Rebibbia.

La perquisizione e l’epilogo

La Polizia ha effettuato una perquisizione a tutta la struttura utilizzata per la vendita della droga – Via dei Lucani 22 – trovandoci metadone e psicofarmaci, successivamente sequestrati. 

Per arrivare sino alla fonte, ovvero Antonella, sono state svolte molte indagini e sono state preziose le testimonianze di alcune persone: le stesse hanno evidenziato che la pusher rendeva facile la vita di Desirée procurandole droga ogni volta che ne necessitava.

Nonostante fosse minorenne e alcune persone hanno consigliato ad Antonella di lasciar perdere, la stessa ha continuato nella sua vendita sino a quella tragica notte. Ricordiamo infatti, che dagli esami svolti sul cadavere della povera ragazza è stata trovata un’intossicazione di stupefacenti e psicofarmaci. 

Le indagini vanno avanti anche per escludere una possibile complicità della ragazza nell’omicidio della vittima.