Home Casi “Sono terrorizzata”, il killer abita a pochi chilometri da lei: la paura...

“Sono terrorizzata”, il killer abita a pochi chilometri da lei: la paura della fidanzata di Alessandro Polizzi

CONDIVIDI

L’omicidio di Alessandro Polizzi è uno dei casi di cronaca agghiaccianti italiani e ora la fidanzata sopravvissuta Julia Tosti ha paura: il killer abita a pochi chilometri da lei

Omicidio Alessandro Polizzi
Omicidio Alessandro Polizzi

Una paura legittima quella di Julia sopravvissuta all’omicidio di Alessandro Polizzi – il suo fidanzato. Ora il killer abita a pochi passi e il timore che torni per finire il suo lavoro incompiuto.

La libertà concessa a Riccardo Manenti

Riccardo Menenti è tornato in libertà per la decorrenza dei termini, nonostante la sua condanna all’ergastolo per aver ucciso Alessandro Polizzi e aver tentato di ammazzare Julia Tosti – la sua fidanzata.

La vicenda agghiacciante risale a marzo del 2013 quando il ragazzo viene ucciso brutalmente con alcuni colpi di pistola all’interno di un appartamento di Perugia. Tutto questo perchè il figlio di Riccardo Menenti – Valerio – non accettava la nuova relazione amorosa della sua ex fidanzata.

La paura di Julia Tosti

Dopo sei anni e quatto processi Menenti è libero in attesa che la Cassazione si esprima in merito alla data del ricorso presentato dai legali, a seguito della condanna all’ergastolo.

Ora Julia Tosti vive in uno stato di shock e terrore, come si legge da Il Messaggero:

“non riesco a capire come sia possibile che l’uomo che ha ucciso alessandro e mi ha quasi ammazzato, ora sia libero”

Evidenziano che lo stesso abita a pochi chilometri dalla sua abitazione e che non abbia nulla da perdere:

“ho paura, certo. ho paura che torni a finire il lavoro che quella sera non è riuscito a portare a termine”

Essendo stato condannato all’ergastolo:

“che cosa ha da perdere”

Le notti insonni e la paura che la storia si ripeta è agghiacciante per la povera ragazza. Nella giornata di venerdì i familiari della vittima, insieme agli amici hanno manifestato davanti alla Cassazione condividendo rabbia, dolore e anche tanta determinazione.